World of Warcraft e il Coronavirus: un server privato scatena una pandemia nel gioco per insegnare la prevenzione

Un esperimento riuscito.

Durante la pandemia, la malattia non è l'unica cosa che si diffonde. Sia la paura che il panico cominciano a farsi strada nella nostra pelle, lasciando così spazio molto spesso alla disinformazione, al non volersi affidare a chi ne sa meglio di noi in quanto scienziati. E così nascono fake news che si spargono forse più del virus, come ad esempio il sole che uccide il virus COVID-19, o che la vitamina C ci renda immuni e che generano solamente confusione.

Alla luce di questa situazione, un server privato di World of Warcraft, chiamato Elysium, ha inscenato una vera e propria pandemia all'interno del gioco. Durante il fine settimana i gestori del gioco hanno lanciato l'evento "Pandemic in Azeroth". L'idea era ambiziosa, ma rischiosa: senza preavviso, gli amministratori di Elysium hanno lanciato un virus nel mondo di gioco che, entro 15 ore, ha infettato 2.276 giocatori. Entro 24 ore, il numero è salito fino a 7.000. Al suo apice, la malattia virtuale ha colpito l'88% dei giocatori attivi.

Dopo che il virus ha avuto il tempo di diffondersi organicamente, gli amministratori hanno fatto sapere a tutti cosa stava succedendo: un virus era stato posizionato su un oggetto di gioco. Un giocatore, soprannominato "paziente zero", aveva toccato quell'oggetto e poi aveva interagito con altri giocatori e NPC, ognuno dei quali aveva la possibilità di contrarre il virus. Se i giocatori che sono entrati in contatto con oggetti o personaggi ricoperti di questo virus non sono riusciti a correre in una città e lavarsi le mani usando uno speciale "sapone per le mani", il loro personaggio avrebbe contratto una malattia che porta ad una riduzione delle statistiche del 5% e del 10% sul buff della velocità di movimento.

wow

Dopo aver mostrato la potenzialità del virus, gli amministratori hanno pubblicato delle missioni che chiedevano di contenere la malattia semplicemente adottando certe azioni mirate. Ciò ha comportato una combinazione di distanziamento sociale, indossando mascherine, e strofinando oggetti e venditori con un detergente antibatterico.

Secondo l'amministratore di Elysium l'obiettivo principale di questo evento era l'informazione e istruire i giocatori. "So che abbiamo molti giocatori che sono giovani o che non hanno accesso alle informazioni, o almeno la stessa quantità di informazioni", ha detto l'amministratore Rain in un'intervista. "Sentivo di dover dare una mano ed informare le persone in questo momento".

Dopo che i giocatori hanno imparato a sfruttare il distanziamento sociale per respingere il virus, il tasso di infezione è arrivato dall'88% al 42%. L'amministratore spera che in questo modo le persone abbiano recepito il messaggio e che applicheranno queste nozioni nel mondo reale. "Se potessi aiutare anche solo una sola persona ad essere informata penso che ne valga la pena" ha dichiarato Rain.

Fonte: Kotaku

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza