Assassin's Creed Valhalla e God of War troppo simili? Ubisoft non teme paragoni

Una strada completamente diversa.

Il nuovo capitolo di Assassin's Creed si chiama Valhalla e vi trasporterà nell'era norrena per giocare nei panni di Eivor, il leader di un gruppo di vichinghi. Dato che si tratta di un gioco di ruolo d'azione che consente di controllare un personaggio che crede negli dei norreni, sembra esserci un parallelo con God of War del 2018. Tuttavia, Ubisoft non è preoccupato di intraprendere lo stesso terreno del gioco di SIE Santa Monica Studio.

"God of War è fantastico - sì, ci ho giocato", ha dichiarato il narrative director di Assassin's Creed Valhalla, Darby McDevitt. "È fantastico. Ma non direi che siamo troppo preoccupati perché la maggior parte dei giochi, quando toccano questo argomento, in realtà si spostano molto pesantemente verso la mitologia. Quindi questa è la caratteristica frontale: giochi a God of War, incontri tutti i personaggi e viaggi verso ambienti fantastici".

McDevitt prosegue: "Pochissimi giochi in realtà trattano l'esperienza del vichingo norvegese come fondata sulla storia. Penso che l'impulso sia quello di focalizzarsi sulla mitologia norrena, ma vogliamo davvero che i giocatori possano vivere nel Medioevo inglese; esploreranno le rovine romane lasciate dai 400 ai 500 anni prima dai romani e dai resti delle tribù britanniche e prima ancora dai pagani sassoni prima che si convertissero tutti al cristianesimo".

aa

Ubisoft sta progettando Valhalla come un'esperienza più radicata in cui l'esistenza degli dei dipende dall'interpretazione personale, ed è più in linea con il modo in cui Assassin's Creed Origins ha gestito gli dei egizi rispetto a Odyssey con il pantheon greco. "Per qualcuno come Eivor - nel mezzo della battaglia - abbiamo pensato che avrebbe creduto di poter vedere Odino", ha detto McDevitt. "Questa è la stessa squadra che ha creato Origins e il nostro sentimento su come integrare la mitologia è simile". A tal fine, McDevitt descrive Valhalla come "l'ultima fantasia vichinga radicata". Sebbene la mitologia norrena abbia un ruolo nella narrazione del gioco, sembra che non assumerà un'interpretazione così letterale come in Odyssey, dove i giocatori hanno combattuto creature come il Minotauro e Medusa, incontrato Dei come Poseidone e Ade, e hanno visitato luoghi come i Campi Elisi e gli Inferi. "Abbiamo creato questo enorme mondo da esplorare dove fare irruzione, assaltare, incontrare persone interessanti, ma verrà fatto nei panni di un essere umano, come una persona che deve cavalcare un cavallo per percorrere lunghe distanze, anziché che volare o qualcosa del genere", ha concluso McDevitt.

Vi ricordiamo che Assassin's Creed Valhalla arriverà entro la fine dell'anno e sarà disponibile sia per PC, Xbox One e PlayStation 4, che per Xbox Series X e PlayStation 5.

Fonte: GameSpot

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza