Google nei guai: causa da $5 miliardi per l'accusa di spiare gli utenti di Chrome in modalità incognito

Il colosso tech nell'occhio del ciclone?

Google deve vedersela con una nuova causa miliardaria. La società è stata accusata di "spiare" gli utenti che utilizzano il suo browser Chrome, anche quando viene abilitata la modalità in incognito. Presentata presso il tribunale federale di San Jose, in California, questa settimana, la suddetta azione legale sostiene che Google viola il Federal Wiretap Act.

La FWA è la legislazione che protegge le persone dall'intercettazione delle loro comunicazioni. Inizialmente, ciò significava conversazioni vocali su linee telefoniche cablate, ma i successivi aggiornamenti hanno aggiunto disposizioni per l'intercettazione su altri mezzi come Internet. Google, sostiene la causa, offre una modalità di navigazione in incognito che afferma di essere più privata, dando agli utenti l'impressione che la loro navigazione non viene registrata. In realtà, il reclamo suggerisce che vari strumenti di Google - tra cui analisi incorporate in siti Web, Google Ad Manager e altro ancora - tengono traccia degli utenti e creano profili dei loro comportamenti. In breve, Google deve essere fermata in quanto "non può continuare a impegnarsi nella raccolta di dati nascosti e non autorizzati praticamente da tutti gli americani con un computer o un telefono".

Non sorprende che Google veda la situazione in modo diverso, affermando che si difenderà dalla causa. Un portavoce ha indicato i limiti della modalità di navigazione in incognito, sostenendo che sono chiaramente segnalati ogni volta che viene aperta una nuova scheda privata. "Come diciamo chiaramente ogni volta che si apre una nuova scheda in incognito, i siti Web potrebbero essere in grado di raccogliere informazioni sull'attività di navigazione", ha detto il portavoce di Google Jose Castaneda.

chrome

Sebbene Chrome non salvi i dati di navigazione, i cookie e i dati del sito o qualsiasi informazione inserita nei moduli, avverte, tuttavia, che altri potrebbero comunque avere visibilità su ciò che si sta guardando. La causa, intentata da Chasom Brown, Maria Nguyen e William Byatt, propone una class action che potrebbe includere "milioni" di utenti di Google, con un risarcimento di circa 5.000 dollari a persona.

Fonte: SlashGear

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Xbox Series X: annunciata ufficialmente la data dell'evento next-gen

Aspettiamoci vari nuovi annunci dagli studi first-party.

PS4 viene costruita in soli 30 secondi dai robot di Sony

In una fabbrica giapponese solo 4 dipendenti, tutto il resto è completamente automatizzato.

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza