The Last of Us Parte II tra fazioni nemiche e la creazione di Seattle: Naughty Dog con più varietà a storia e gameplay

Neil Druckman svela tre protagonisti dell'avventura di Ellie e Joel.

The Last of Us Part 2 è il più grande gioco di Naughty Dog e, sebbene ciò non significhi che il sequel sta per diventare un open world, significa che lo studio ha puntato a creare una nuova serie ampia e variegata di ambienti da esplorare e in cui sopravvivere.

Parlando con IGN, il director Neil Druckmann ha spiegato sia l'approccio del team di sviluppo alla creazione di Seattle, sia il modo in cui l'introduzione di nuove fazioni nemiche ha aggiunto più varietà alla storia e al gameplay. "Abbiamo scelto Seattle per il numero di location diverse che ha. Sapevamo che avremmo trascorso molto tempo in città e, come deve essere per un buon gioco di Naughty Dog, dovevamo cambiare le cose per quanto riguarda stili artistici e luoghi", ha detto Druckmann, notando la varietà della città.

"Quindi il team ha studiato molto l'architettura della città. Hanno scannerizzato diversi materiali in modo da renderli autentici."

La decisione di studiare a fondo la città, ha ovviamente garantito ai level designer di creare interessanti spazi di esplorazione e combattimento per i giocatori.

"Per il combattimento, questo è stato un principio costante, [vogliamo] combinare il familiare con il non familiare", ha continuato Druckmann, osservando che le aree residenziali, ora ricoperte di vegetazione in questo mondo post-pandemico, possono offrire qualcosa di inaspettato.

Druckmann ha anche sottolineato come l'uso delle fogne di Seattle e altre simili "aree inquietanti e umide" abbiano permesso al team di riprodurre gli elementi horror del sequel.

"Abbiamo creature nei muri e a volte sono morte e non succederà nulla, a volte possono attaccarti all'improvviso".

Seattle ospita anche il Washington Liberation Front e i Seraphites, due gruppi con cui Ellie se la dovrà vedere e che offrono nuove sfide di combattimento.

"Vedrai il WLF, questa fazione militarista secolare e poi i Seraphites, questo gruppo religioso che ha rifiutato la tecnologia del vecchio mondo e hanno costruito tutto da zero", ha detto Druckmann.

"Il WLF ha accumulato l'equipaggiamento militare. Quindi usano più mitragliatrici e hanno veicoli in determinate configurazioni", ha continuato.

"Mentre ciò che rende i Searphites inquietanti e spaventosi da affrontare è che sono molto furtivi e silenziosi ... e vi attaccheranno sfruttando la vegetazione".

Che ne pensate?

The Last of Us Part II arriverà il 19 giugno su PS4.

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza