Halo 2 su PC Ŕ il miglior porting della Master Chief Collection - analisi comparativa

E l'upgrade Anniversary Ŕ fantastico in 4K60.

A distanza di ben 13 anni dalla sua release originale, Halo 2 è stato ripubblicato su PC all'interno di The Master Chief Collection, raccolta che ha attirato tanti elogi quante critiche. Quindi come si comporta questo porting da Xbox One di un titolo programmato originariamente per Xbox 360? Cosa mette sul piatto e come gira? E riesce a bypassare alcuni dei problemi che affliggono gli altri giochi della collection per PC?

La buona notizia a nostro avviso è, oltre al fatto che ci sono ben tre giochi in un unico pacchetto disponibili su PC, che questa è la loro migliore versione attualmente disponibile, molto più di quella già esistente per PC. Il vantaggio principale sta nella presenza di asset rimasterizzati, che rimpiazzano quelli originali nelle sequenze in CGI offrendo splendidi filmati pre-renderizzati da Blur Studios. Inoltre ci sono delle modifiche agli engine video e audio di Halo 2, con praticamente ogni aspetto della presentazione che è stato migliorato. Come in Halo: Combat Evolved, potete passare al volo dalla grafica originale a quella rimasterizzata con un semplice click del tasto TAB. Un bel trucchetto che va oltre l'aspetto grafico, in quanto la soundtrack originale è davvero eccellente e spicca maggiormente con il revamp del nuovo remaster sonoro.

Il primo revamp di Halo's Anniversary è un po' piatto ma il sequel è su un altro livello. Halo 2 è un gioco dal design grafico e sonoro un po' strano: il design originale puntava su un uso più ampio di bump mapping, fisica in tempo reale e level design più complesso, e non è difficile concludere che la Xbox originale non ce la potesse fare. Ma il primo Halo è un gioco che viene preso come riferimento ancora oggi grazie a un design poligonale semplice contraddistinto da colori vibranti, ottimo uso di tiling texture e rendering dei materiali senza tempo. Il sequel ha preso invece una strada di design diversa.

Halo 2 Anniversary su PC: la videorecensione tecnica del Digital Foundry.

Un altro motivo per cui Halo 2 ha un look completamente diverso è da ricercarsi negli eventi che hanno contraddistinto il suo ciclo di sviluppo. Come potete vedere nel video sottostante, il sequel avrebbe dovuto usare inizialmente usare un engine simile a quello di Doom 3, focalizzandosi puramente sull'illuminazione in tempo reale con un massiccio uso di ombre, proprio come Doom 3. E così, quando questo engine (denominato 'pstencil') è stato accantonato in favore di uno più tradizionale basato su shadow map, a nostro avviso l'aspetto visivo del gioco ne ha patito le conseguenze, apparendo più piatto, con ombre talvolta appena visibili.

Questa è un'area cruciale in cui il revamp della versione Anniversary fa la differenza: Saber Interactive ha spinto forte sulle luci direzionali che generano shadow map in tempo reale, aumentando così in maniera netta il contrasto in tutta l'immagine. Di grande aiuto è anche l'utilizzo dell'occlusione ambientale di tipo screen-space per aumentare la varietà delle ombre, e la versione Anniversary vanta anche light maps che includono illuminazione globale. Oltre a questo, vengono aggiunti altri affetti come parallax occlusion mapped texture che aumentano il dettaglio del terreno, o parallax mapped decals sui proiettili, che restituiscono un bell'effetto quando sparate su muri metallici. Viene utilizzata una paletta di colori più vibrante, ma ci sono anche dei begli effetti lens flare sui raggi solari o sulle armi al plasma; inoltre, gli effetti particellari adesso ricevono informazioni sulla luce e sulle ombre. La versione Annivesary aggiunge quindi spessore e profondità negli aspetti in cui Halo 2 originale appariva piatto, ed il tutto senza cambiare drasticamente il feeling della presentazione visiva.

E poi c'è il sonoro. Halo 2 Anniversary vanta una rimasterizzazione dell'audio curata da Skywalker Sound che aggiunge pathos ed enfatizza molte scene, ed è caratterizzata da un mixing differente delle musiche. L'audio ambientale e gli effetti delle armi sono molto migliorati grazie a bassi più profondi e suoni alti più acuti. Combinando gli upgrade grafici e sonori, abbiamo la migliore esperienza del gioco, ma quanto è valido il nuovo porting PC?

L'Halo 2 che non è mai venuto alla luce. Esaminiamo la leggendaria demo E3 basata sulla tecnologia che Bangie ha completamente abbandonato durante lo sviluppo.

Il gaming ad alto frame-rate è una feature essenziale, specialmente per un FPS. Halo: Combat Evolved supportava frame-rate superiori a 60fps con alcuni elementi su schermo (come i movimenti delle antenne ed i colpi al plasma) aggiornati a una frequenza dimezzata di 30fps. Halo Reach invece aveva una modalità opzionale ad alto frame-rat, ma era completamente buggata, per cui i 120fps apparivano peggiori dei 60fps, con ovvi problemi di pacing nelle animazioni e coi movimenti del mouse. Ripensandoci, era un'esperienza terribile. Halo 2 migliora parecchio in questo frangente, ma non è ancora perfetto. Le animazioni dei personaggi in terza persona, la fisica del mondo ed i movimenti dello schermo si aggiornano a più di 60fps come è giusto, ma i i proiettili al plasma Covenant e le animazioni della mano del protagonista si aggiornano a 60fps, facendoli sembrare fuori contesto. Questo dovrebbe essere fixato e speriamo che non crei troppi problemi agli sviluppatori.

In generale, il giochi della Master Chief Collection hanno sofferto di problemi di connettività internet durante la co-op e sfortunatamente il problema rimane in questo nuovo titolo, visto che chi non hosta è sempre afflitto da pesanti lag che impattano più di quanto dovrebbero. Già la co-op è una componente chiave per Halo 2, e se aggiungiamo che la modalità split-screen presente nelle versioni console è stata omessa in questa release PC, la situazione si aggrava ulteriormente.

Parlando di performance, Halo 2 si comporta bene. Le GPU di fascia media come la GTX 1060 o la RX 580 offrono esperienze 1440p decenti con gli upgrade della versione Anniversary attivi, e dal nostro punto di vista GPU come la GTX 1660 Super o la GTX 1070 basterebbero per ottenere simili frame-rate ma a 4K. La grafica ottenibile va oltre le possibilità di Xbox One e Xbox One X. Detto ciò, abbiamo solo notato due modifiche quando si aumenta la grafica: la risoluzione delle ombre in tempo reale p migliorata, ma c'è anche un incremento nella risoluzione delle texture, che però richiede il reload dell'intero livello. Curiosamente, le GPU Nvidia si comportano molto meglio delle AMD, infatti la RX 580 offre prestazioni sotto le sue capacità.

Halo: Combat Evolved ha avuto un lancio controverso su PC. Era un buon porting ma lontano dall'essere perfetto.

Un aspetto delle performance in particolare ci ha lasciati interdetti. Durante una partita in cooperativa, abbiamo riscontrato dello strano stuttering nel livello Delta Halo. Prima di quel livello era capitato solo in un paio di occasioni, ma qui era una costante e per periodi prolungati, e la stessa cosa accadeva dall'altra parte dello schermo al nostro compagno di co-op online. Pensando fosse un problema di rete, abbiamo testato su un altro computer ma lo stesso problema si verificava. Parliamo di stuttering di 100, 200 o persino 400ms in rapida successione. Una brutta esperienza di gioco e le differenze di hardware non sembravano fare differenza, visto che gli stessi problemi si verificavano su Ryzen e Core i5, e cambiare da SSD SATA a NVMe non ha nemmeno risolto.

Continuando nell'analisi alla ricerca della fonte del problema, abbiamo provato lo stesso gioco nella versione Xbox One X. Nello stesso livello Delta Halo, le performance variavano costantemente tra 60fps e 30fps, un'esperienza veramente inconsistente.

E onestamente non ricordiamo una simile situazione la prima volta che l'abbiamo testato su X, quindi forse questo problema si è presentato con l'introduzione della patch 4K. Evidentemente serve ancora del lavoro nel supporto post lancio, soprattutto per sistemare le performance su console. Q

ueste sbavature prestazionali riassumono i problemi che hanno sempre circondato questo progetto: c'è sempre la sensazione che The Master Chief Collection sia un pacchetto confezionato con le migliori intenzioni e cure possibili, ma i giochi componenti della raccolta non sono mai stati rifiniti come dovrebbero.

Concludendo, Halo 2 è un gioco divertente e nonostante i problemi riteniamo che sia il miglior gioco incluso nella Master Chief Collection per PC. La grafica rifatta scala molto bene in 4K, ed i requisiti di sistema non sono alti, infatti è più una valida sostituzione della release PC del 2007. Speriamo che l'imminente Halo 3 raggiunga standard ancora più alti.

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Alex Battaglia

Alex Battaglia

Redattore

Ray-tracing radical, Turok technophile, Crysis cultist and motion-blur menace. When not doing Digital Foundry things, he can be found strolling through Berlin examining the city for rendering artefacts.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza