The Last of Us: Parte II e il possibile buco di trama legato ai Pearl Jam spiegato da Neil Druckmann

Future Days e Joel? Una spiegazione c'è.

In The Last of Us Parte 2, le chitarre e la musica ricoprono un ruolo fondamentale: sono il simbolo del rapporto fra Joel ed Ellie e fanno capolino nei momenti più importanti del gioco. Nei momenti in cui è possibile suonarla direttamente, i giocatori più abili possono perfino ricreare delle musiche famose, strimpellando sul proprio DualShock.

Per quanto le chitarre e le musiche possano essere importanti nel gioco, queste contengono un piccolo buco di trama che i giocatori non riescono ad ignorare.

In una delle cutscene a inizio gioco, possiamo ammirare Joel suonare sulla propria chitarra una cover della canzone Future Days di Pearl Jam, dall'album Lightning Bolt. Questo album è stato pubblicato il 15 ottobre 2013. Il problema? Secondo la trama di The Last of Us, l'epidemia dei funghi è avvenuta il 26 settembre 2013, qualche settimana prima. Come fa Joel a conoscere una canzone che, a conti fatti, non sarebbe mai stata pubblicata, visto lo stato del mondo?

Il director Neil Druckmann è ben consapevole di questo problema, ma ha fornito comunque una spiegazione semplice e sensata: i Pearl Jam suonarono in un concerto dal vivo al Wrigley Field di Chicago il 19 luglio e, fra le canzoni dell'evento, c'era proprio Pearl Jam. Duckmann ha affermato che Joel ha semplicemente visto il concerto su Youtube.

Cosa ne pensate? Siete soddisfatti della spiegazione di Druckmann, oppure secondo voi è una motivazione arrangiata?

Fonte: GameStop

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza