The Last of Us: Parte II e l'odio di internet da capire, ignorare o condannare. Parla Neil Druckmann

Il director e figura chiave di Naughty Dog a ruota libera.

The Last of Us: Parte II è già un successo commerciale oltre che un successo di critica. Le 4 milioni di copie piazzate in tre giorni e la medaglia di esclusiva PS4 venduta più velocemente non possono che essere un grande premio per il lavoro di Naughty Dog ma allo stesso tempo la software house si è trovata di fronte a un macigno non da poco con negatività e vero e proprio odio che hanno colpito non solo la produzione ma anche alcuni individui ben precisi.

Proprio l'odio della rete è stato uno degli argomenti toccati da Neil Druckmann, director di The Last of Us: Parte II e vicepresidente di Naughty Dog, all'interno dell'ultimo episodio del podcast dell'ex boss di Nintendo of America, Reggie Fils Aimé. Druckmann ha discusso dell'odio come qualcosa di comprensibile e per certi versi inevitabile ma anche come di qualcosa davvero fuori dal mondo in alcune sue sfumature particolarmente estreme.

"Credo che tu debba creare un po' di separazione fino ad arrivare ad affermare abbiamo creato questo gioco, crediamo in questo gioco, ne siamo orgogliosi, ora è disponibile e qualsiasi reazione abbiano le persone, che lo apprezzino o meno, è giusto così. Quella è la loro reazione e non la si combatte. Diverso il discorso riguardo le cose più piene d'odio, le cose più spregevoli, quelle sono più difficili. È particolarmente difficile quando lo vedi succedere a membri del team o a membri del cast che interpretano un certo personaggio nel gioco.

"Abbiamo un'attrice che sta ricevendo attacchi disgustosi e bruttissimi a causa di un personaggio fittizio che interpreta nel gioco. Ho semplicemente faticato ad accettarlo, fatico a capirlo. La cosa che cerco di fare è ignorare il più possibile. Quando le cose peggiorano fino a diventare davvero serie abbiamo certi protocolli di sicurezza che assumiamo e segnalo il tutto alle autorità preposte. Poi cerchi semplicemente di concentrarti sulle cose positive e di distrarti con altro.

"Ho parlato molto di queste cose con Craig Mazin che sta lavorando sulla serie TV HBO di The Last of Us. Lui ha articolato la questione piuttosto bene, è come se ci si dovesse educare al riguardo. Questo è per certi versi il prezzo. Quando fai qualcosa di grosso e potresti deludere i fan c'è un costo ora, ovvero il fatto che riceverai un certo quantitativo di odio e di commenti al vetriolo che devi semplicemente accettare. Non c'è altro modo per far sparire la cosa".

Ricordandovi che The Last of Us: Parte II è attualmente disponibile in esclusiva su PS4, cosa pensate delle parole di Druckmann e dell'odio che ha colpito The Last of Us: Parte II?

Fonte: GameSpot

Vai ai commenti (10)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darā ragione.

Contenuti correlati o recenti

Watch Dogs Legion su PC non gira a 60fps, 1080p e settaggi ultra nemmeno con una Nvidia RTX 2080 Ti

Nella build di preview testata da Digital Foundry il gioco si č fermato a 30fps.

Assassin's Creed Valhalla e Watch Dogs Legion Q&A in diretta alle 14! Rispondiamo a tutte le vostre domande

Il nostro Lorenzo Mancosu ha provato i due titoli Ubisoft ed č pronto a parlarne.

Deathground č Alien: Isolation...con i dinosauri

Jaw Drop Games lancia la campagna Kickstarter per il suo survival horror.

Assassin's Creed Valhalla non avrā missioni secondarie 'tradizionali'

Il narrative director Darby McDevitt spiega un cambiamento radicale

Articoli correlati...

Commenti (10)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza