Ghost of Tsushima - Guida al combattimento e consigli per l'iniziare l'avventura

Tutto quello che c'è da sapere sul combat system e i segreti di Tshushima.

Il personaggio di Jin Sakai, nel suo abbracciare la Via dello Spettro, apre Ghost of Tsushima ad una dicotomia ludica. Da un lato abbiamo combattimenti all'arma bianca; dall'altro una vena decisamente stealth, delineata dalle armi dello spettro e dal fidato tanto.

Di seguito trovate una lista di consigli utili ad entrare subito in sintonia con lo spirito dell'avventura, e col sistema di combattimento del titolo.

  • Il primo consiglio che vi diamo è quello di cominciare sin da subito almeno a livello di difficoltà normale. Il combat system di Ghost of Tsushima ibrida accessibilità e tecnicismo, sfruttando una formula che si forgia di parate, deviazioni e schivate nel momento opportuno per infliggere danni e affondi cruciali al nemico. A difficoltà facile i nemici tenderanno a soccombere in una manciata di colpi, anche quelli più coriacei, nonché ad evitare di parare i vostri fendenti di katana e mettervi alle strette con colpi aggressivi. I combattimenti perdono notevolmente di mordente, lasciandovi a secco di sfida.
  • Alternate gli stili di gioco, soprattutto se affrontate l'avventura al livello massima di difficoltà. Adattatevi alle situazioni il più possibile, variando gadget ed oggetti utilizzati. Vi accorgerete ben presto che ci saranno nemici che vale la pena eliminare di soppiatto, attirandoli magari in un luogo isolato con l'aiuto dei campanelli, piuttosto che altre situazioni, invece, in cui sarà più proficuo fronteggiare il nemico guardandolo negli occhi, iniziando lo scontro con una bella sequenza di confronti. Chiaramente, all'inizio avrete meno possibilità, ma con il progredire nell'avventura il compasso si aprirà sempre di più.
  • Per l'appunto, sfruttate la meccanica del confronto. Come si è già visto nelle sezioni di gameplay mostrate anche prima del lancio, quando i nemici sono ignari della vostra presenza si potrà avviare lo scontro invitando un nemico a fronteggiarvi. Tenendo premuto e rilasciando al momento del colpo nemico il tasto triangolo, eseguirete una spettacolare instant kill, che potrà fare da apripista anche ad una lunga sequenza, se sarete abili e tempestivi. Questo approccio è particolarmente utile nelle zone dense di nemici, poiché vi consentirà di eliminarne agevolmente anche 4 o 5. Potrete, inoltre, aumentare la sequenza di nemici eliminabili indossando l'armatura del clan Sakai, ma per i dettagli vi rimandiamo alla sezione dedicata a tutte le armature del gioco.
1
  • Ad hard, le prime ore di gioco e i primi scontri frontali potrebbero darvi del filo. Sfruttate il più possibile l'approccio furtivo nelle prime fasi. I nemici, infatti, disporranno di molti colpi che non potrete schivare o parare inizialmente, prima di aver appreso le relative abilità. Sfruttate i tetti, i pertugi sotto gli edifici e la pampa, e cercate di isolare i nemici.
  • Spendete sempre qualche minuto, dopo aver ripulito una zona o un accampamento dai nemici, per esplorare e raccogliere più risorse possibili. I materiali vi saranno fondamentali per gli upgrade delle vostre fidate lame, dell'armatura, degli archi e per creare frecce ed armi dello spettro.
3
  • È presente una voce nel menu di gioco, alla sezione video, che vi permette di eliminare quasi del tutto le icone e l'interfaccia di gioco, sia durante l'esplorazione che durante gli scontri. Ecco, dopo aver preso le misure con il titolo, fatelo. Il taglio cinematografico di Ghost of Tsushima è forte, ed il coinvolgimento è un punto cardine dell'intera esperienza. Tenete a mente che, in questo modo, vedrete su schermo solamente i cerchi della concentrazione, mentre la barra di salute comparirà per qualche istante solamente dopo aver subito un colpo. Per maggiori dettagli sulla salute e sulla concentrazione, e per sapere come incrementarli, trovate anche qui le apposite sezioni dedicate.
  • Dedicatevi ai racconti mitici. Se vedete delle icone blu sulla mappa di gioco, nei paraggi troverete il bardo Yamato, pronto a cantarvi leggende legate al folclore del Giappone feudale. Queste missioni, oltre ad essere tra le più ispirate ed affascinanti del titolo, offrono al giocatore ottime ricompense, come armature speciali, gadget e una manciata di colpi speciali. Anche in questo caso, troverete maggiori dettagli nelle altre sezioni della guida.
  • Il consiglio più importante: prendetevela comoda. La Tsushima di Sucker Punch brulica di luoghi magnetici, di panorami mozzafiato e di personaggi che richiederanno i servigi della vostra lama. Vivete l'avventura con i vostri tempi, e con la dovizia di attenzione che merita.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Luca Del Pizzo

Luca Del Pizzo

Redattore

Sedotto dalle avanguardie tecnologiche e da tutto ciò che porti emozione, Luca non può restare indifferente al fascino prorompente dei videogiochi. Ha la fortuna di coniugare questo amore con quello incondizionato per la scrittura. La vita, a volte, riserva cose meravigliose. Sino ad un nuovo Silent Hill degno di questo nome, tuttavia, non è ancora abbastanza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza