Age of Empires 3 Definitive Edition sistemerÓ l'originale e problematica rappresentazione dei Nativi Americani

Un lavoro di rispetto.

Age of Empire 3 riceverà a breve una rimasterizzazione, la quale non solo permetterà ai giocatori di rivivere l'acclamato titolo strategico con una grafica rinnovata, ma permetterà anche ai suoi sviluppatori di "correggere" alcuni dettagli poco onorevoli. In questo caso, l'originale rappresentazione dei Nativi Americani.

Fra teste appese ai pali, falò e poteri mistici per parlare con gli animali, la tribù degli Indiani d'America non è mai stata rappresentata in modo serio e reale e questi sono solo alcuni dei problemi legati all'originale Age of Empires 3, come sottolineato dagli stessi sviluppatori di World's Edge:

"Un punto chiave del nostro lavoro è cercare di rappresentare nel modo più autentico possibile le culture e i popoli che appaiono nei nostri giochi. Mentre sviluppavamo Age of Empires 3: Definitive Edition, ci siamo resi conto che non stavamo rispettando quei valori, specialmente riguardo i Nativi Americani, per questo abbiamo cercato di correggerci, lavorando direttamente con consulenti tribali per catturare accuratamente l'unicità del loro popolo, della loro storia e della loro cultura.".

Il consulente tribale, Anthony Brave, il quale sta aiutando nello sviluppo della Definitive Edition, ha dichiarato che gli sviluppatori sono molto sensibili a questo problema e stanno seriamente cercando di migliorare la rappresentazione dei Nativi Americani. Inoltre, ne ha approfittato per spiegarci meglio quali fossero i problemi della versione originale, partendo dai falò di fuoco dove gli indiani, stereotipicamente, danzano intorno per ricevere dei bonus:

"Anche se non credo che gli sviluppatori originali lo intendessero, il falò è parecchio offensivo per numerose ragioni. Mi ha colpito non appena l'ho visto e mi sono venuti subito alla mente quei vecchi stereotipi dei Nativi che danzano intorno al fuoco come selvaggi. Appena scoperti, i Nativi non erano considerati umani dai visitatori occidentali, ma come animali senza anima. Se c'era qualcosa di selvaggio, era sicuramente l'immaginazione dei colonizzatori; avevamo tutti delle robuste società, culture, strutture di governo, lingue, storia, eccetera...di certo niente di selvaggio. Il falò di fuoco funziona magicamente e se ci danzi intorno, i guerrieri ricevono più potere in battaglia. Di contro, i popoli occidentali ottengono potere da mezzi logici: sviluppo di tecnologia, migliorando le proprie capacità di welfare e sviluppando i loro forti. Questo non fa altro che potenziare la dicotomia "selvaggi contro civiltà".".

In Age of Empire 3 Definitive Edition, il falò è stato sostituito da una Piazza comune e qui gli abitanti possono effettuare ricerche per potenziare la propria fazione.

Altro importante cambiamento: in AoE3, tutte le civiltà usano le miniere per ottenere delle risorse, ma questo va contro i valori dei Nativi, i quali la considererebbero una forma di sfruttamento della terra che, invece, deve essere rispettata e considerata come una madre.

Proseguendo, ci viene spiegato che anche la relazione con gli animali ai limiti del supernaturale, tanto sfruttata nei media, verrà cambiata. In AoE3, questo stereotipo assumeva le sembianze dell'abilità "Nature Friendship" che non sarà presente nella Definitive Edition:

"Questo stereotipo è estremamente presente nei videogiochi, al punto che se esiste un Nativo in un videogioco, quel personaggio avrà sicuramente dei poteri ispirati agli animali.".

Infine, l'ultimo cambiamento di spessore dalla campagna originale sarà Cavallo Pazzo, uno dei signori della guerra della tribà Lakota che ha combattuto contro i coloni, il quale non sarà presente nel gioco.

"Sembrava appropriato per aggiungere un po' di pepe alla storia dei Nativi. Cavallo Pazzo, essendo questo grande leader Lakota, era un mio grande eroe mentre crescevo e il suo ruolo nella storia originale ha incredibilmente minimizzato la sua vera importanza. In questo caso, non sarebbe stato dignitoso per qualcuno del suo calibro. Vorrei inoltre aggiungere che se volete rappresentare Cavallo Pazzo, dovete raggiungere la sua famiglia materna per chiederne il permesso.".

aoe3

Gli sviluppatori di World's Edge, insieme a Anthony Brave, stanno completamente riscrivendo la storia dei Nativi Americani in Age of Empires 3 Definitive Edition, assicurandosi di non fare più gli stessi errori del passato.

Cosa ne pensate? Cambiamenti del genere sono i benvenuti anche in un remaster, oppure ormai il danno era fatto e sarebbe stato più semplice fare la cosa giusta dal principio, in un titolo nuovo?

Fonte: Ladbible

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

EssenzialePikmin 3 Deluxe - recensione

Interstellar... ma con i Pikmin.

Iron Harvest- recensione

Quando i mech cambiarono il corso della storia.

Total War Warhammer 2 incontra...Henry Cavill

L'interprete di Geralt e Superman Ŕ protagonista dell'ultimo DLC.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza