Bethesda e i suoi giochi sono ora esclusiva Xbox? Ne parla Phil Spencer

Xbox sarà comunque il posto migliore per giocarli.

Il 2020 è sicuramente l'anno delle sorprese, ma il panorama videoludico ne ha recentemente vissuta una veramente inaspettata: Microsoft ha acquistato in blocco Zenimax, la compagnia che comprende case di sviluppo come Bethesda, Arkane Studios, id Software e molte altre. In poche parole, ora giochi come Fallout, Elder Scrolls, Prey e Doom fanno parte delle IP di Xbox.

La domanda ora è: i futuri titoli di questi studi, come i prossimi progetti di Bethesda, Starfield e The Elder Scrolls VI, saranno esclusive Xbox o saranno multipiattaforma? Noi non lo sappiamo e, ad essere sinceri, pare non lo sappia nemmeno Phil Spencer.

Durante una recente intervista a Yahoo Finance, alla direttissima domanda se i prossimi titoli di Bethesda e degli altri studi saranno esclusive o arriveranno anche su altre piattaforme, Phil Spencer ha evitato di rispondere direttamente, limitandosi a dire che la possibilità sarà valutata caso per caso.

Alcuni giochi potranno essere esclusive, mentre altre potrebbero arrivare su PlayStation 5 o Switch: i criteri sono ancora ignoti, ma è possibile che siano dettagli dell'acquisizione ancora da finalizzare.

Nonostante l'incertezza nell'esclusività dei prossimi giochi, Phil Spencer ha voluto confermare un paio di punti: l'acquisizione è un grande colpo per Xbox Game Pass. Tutti i titoli pubblicati da Bethesda e dalle compagnie sorelle finiranno su Xbox Game Pass fin dal day one, esattamente come tutti gli altri titoli first party di Xbox.

Inoltre, sempre secondo Spencer, l'ecosistema Xbox sarà il luogo migliore per giocare i titoli Bethesda e la disponibilità sarà solo uno di questi vantaggi. Cos'altro potrebbe esserci di vantaggioso? DLC esclusivi? Feature extra? Chi può dirlo?

Allo stato attuale, sembra che Microsoft non abbia intenzione di intrappolare Bethesda e tutta Zenimax all'interno di un bunker e impedirgli di pubblicare su altre piattaforme. Tuttavia, considerando che l'acquisizione è costata la bellezza di 7.5 miliardi di dollari, è logico aspettarsi l'esclusività, almeno temporale, di qualcosa in futuro.

Che sia Starfield, TES 6 o qualcosa di completamente inedito, non lo sappiamo, ma non illudiamoci che, da qui in avanti, le cose resteranno com'erano prima.

Fonte: Gamingbolt

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (9)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza