Google nel mirino del governo USA: accuse antitrust ufficiali contro il colosso tecnologico

Un'enorme disputa legale per una delle più grandi aziende tecnologiche.

Martedì il Dipartimento di Giustizia ha intentato una causa contro Google per monopolizzazione illegale della ricerca e dei mercati pubblicitari, dando il via a uno dei più grandi casi di antitrust nella storia degli Stati Uniti. Come riportato per la prima volta da Wall Street Journal, il caso si concentra sulla ricerca e sulla pubblicità incentrata sulla ricerca, piuttosto che sul più ampio business pubblicitario mirato dell'azienda.

"Innumerevoli inserzionisti devono pagare un pedaggio per la pubblicità associata alla ricerca di Google e ai monopoli generici della pubblicità testuale", si legge nella denuncia, "i consumatori americani sono costretti ad accettare le politiche, le pratiche sulla privacy e l'uso dei dati personali di Google; e le nuove aziende con modelli di business innovativi non possono emergere dalla lunga ombra di Google".

I funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno sottolineato la portata e il potere del controllo di Google sul mercato della ricerca. "La condotta di Google è illegale secondo i tradizionali principi antitrust e deve essere fermata ... Google possiede o controlla i canali di distribuzione della ricerca che rappresentano circa l'80% delle query di ricerca generali negli Stati Uniti", ha affermato Ryan Shores, senior advisor for tech industries del dipartimento di giustizia. "Chiediamo al tribunale di spezzare la presa di Google sulla distribuzione della ricerca in modo che la concorrenza e l'innovazione possano prendere piede".

Google ovviamente non è d'accordo, insistendo sul fatto che la sua quota elevata del mercato della ricerca è il risultato della scelta del consumatore. "La causa del Dipartimento di giustizia è profondamente viziata", ha affermato la società in una nota. "Le persone usano Google perché scelgono di farlo, non perché sono costrette a farlo o perché non riescono a trovare alternative".

unnamed

Il caso è una delle azioni antitrust più ambiziose mai intraprese contro una società tecnologica. Il Dipartimento di Giustizia ha informato del caso alla fine di settembre, secondo un report di Washington Post. Undici diversi procuratori generali dello stato dovrebbero firmare il caso, secondo il Journal, ma è probabile che altri presentino accuse antitrust separate.

Google ha già attirato critiche significative dai legislatori durante un'udienza antitrust a luglio. Nel discorso di apertura, il rappresentante David Cicilline ha accusato l'azienda di utilizzare la sua posizione privilegiata come motore di ricerca per schiacciare i concorrenti in altre aree. "È il modello di business di Google il problema", ha detto Cicilline. "I nostri documenti mostrano che Google si è evoluto a un "giardino recintato" che mantiene sempre più gli utenti all'interno dei suoi siti".

All'epoca, il CEO di Google Sundar Pichai difese le azioni dell'azienda come parte di un impegno più ampio a servire gli utenti. "Quando gestisco l'azienda, mi concentro molto sull'offrire agli utenti ciò che vogliono", ha detto Pichai. "Ci comportiamo secondo gli standard più elevati."

Che ne pensate?

Fonte: The Verge.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza