PS5 ha scelto il metallo liquido anche per ridurre il costo complessivo del sistema di raffreddamento

Yasuhiro Otori ci spiega la scelta di Sony.

All'inizio di quest'anno, sono iniziate a circolare report secondo cui PS5 avrebbe avuto un sistema di raffreddamento "insolitamente costoso", e i recenti dettagli che Sony ha rivelato sull'hardware della console sono certamente stati in linea con i precedenti rumor (e le prime impressioni hanno suggerito che l'investimento ripagherà.).

Sony ha recentemente parlato di come il voler ridurre i costi sia stato uno dei motivi per utilizzare una sola grande ventola con PS5 invece di due (che è ciò che ha portato alle grandi dimensioni della console). Allo stesso modo, la compagnia ha preso decisioni basate sui costi anche in altre aree del sistema di raffreddamento, come ha spiegato in una recente intervista a 4Gamer l'head of mechanical and thermal design team di PS5 Yasuhiro Otori.

Il raffreddamento a metallo liquido di PS5, ad esempio, è stato scelto per ridurre il costo complessivo del sistema di raffreddamento. Anche se un materiale di interfaccia termica (TIM) in metallo liquido isolato è più costoso, è abbastanza efficace da consentire a Sony di utilizzare componenti più economici altrove.

"Il motivo principale è il costo", ha detto Otori quando gli è stato chiesto perché Sony ha deciso di utilizzare un TIM in metallo liquido con PS5. "Lo standard per la progettazione termica è spendere soldi vicino alla fonte di calore. Come analogia alla progettazione termica generale, supponiamo che tu abbia una struttura di raffreddamento del sistema che costa 10 yen per un TIM e 1000 yen per un dissipatore di calore. Se passi a un TIM di 100 yen, puoi ottenere lo stesso effetto di raffreddamento anche se usi un dissipatore di calore da 500 yen. In altre parole, il costo totale può essere ridotto".

ps5_liquid_metal_1_768x432

Otori ha parlato anche delle difficoltà nel processo di produzione. I TIM in metallo liquido di solito vanno di pari passo con determinati problemi e, secondo Otori, Sony ha trascorso due anni a trovare soluzioni a quelli più comuni.

"Ho sempre desiderato utilizzare il metallo liquido", ha detto. "Tuttavia, poiché il metallo liquido è conduttivo, la fuoriuscita potrebbe causare cortocircuiti. Soprattutto, è altamente corrosivo per l'alluminio utilizzato per parti come i dissipatori di calore. Per gestire tali materiali, è necessario prendere misure anche per le apparecchiature di produzione. Ci sono voluti più di due anni per prepararci bene a risolvere questi problemi".

Che ne pensate?

Fonte: Gamingbolt.

Vai ai commenti (7)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza