PS5 e Xbox Series X/S con giochi a €80? Per Take-Two l'attuale prezzo dei suoi titoli è 'nettamente inferiore' al loro valore

Aumenti in vista?

Durante l'ultimo incontro con gli investitori, il CEO di Take-Two Interactive, Strauss Zelnick, ha risposto ad alcune domande sulla next-gen, il futuro dei titoli principali della compagnia e, ovviamente, il loro aspetto economico.

Take-Two, proprietaria di software house potenti come 2K e Rockstar, sostiene che il prezzo dei videogiochi sia fin troppo basso rispetto a quello che la compagnia riesce ad offrire ai giocatori:

"Noi creiamo delle esperienze di elevata qualità e chiediamo molto meno di quello che reputiamo sia il loro valore effettivo ai consumatori. Inoltre, forniamo anche dei contenuti continui e gratuiti. E questo è già un grande valore. Ogni genere di monetizzazione, ovviamente, è completamente opzionale. E a differenza di molti titoli casual, la monetizzazione non è necessaria per godere dell'esperienza, è solo un benefit aggiuntivo.".

Zelnick si è inoltre espresso sulla possibilità di avere, un giorno, titoli esclusivamente free-to-play basati sulle IP più famose della compagnia, come è accaduto ad esempio con Call of Duty: Warzone. C'è spazio, ad esempio, per un GTA online stand alone e free-to-play?

Il CEO non nega la possibilità, anche se, in questo momento, preferisce avere titoli premium e modalità "monetizzabile" in stretto contatto fra di loro, come per l'appunto già abbiamo con GTA V e Red Dead Redemption 2.

La chiamata con gli azionisti si è conclusa con una piccola considerazione sui modelli in abbonamento. Il presidente di Take-Two, Karl Slatoff, non è sembrato ottimista:

"Siamo altamente scettici sul fatto che gli abbonamenti possano diventare l'unica o la prima fonte di distribuzione di intrattenimento interattivo. E questo a causa del modo in cui le persone lo sfruttano e del prezzo per possedere un titolo, che è molto ragionevole e molto, molto basso, rispetto alle ore di gioco effettivo."

Scetticismo a parte, Take Two continuerà a supportare i servizi in abbonamento già disponibili sul mercato: Red Dead Redemption 2, per un certo lasso di tempo, è stato presente su Xbox Game Pass per un paio di mesi, mentre The Outer Worlds, pubblicato da Private Division, è ancora disponibile.

Take_Two

Molti videogiocatori hanno espresso molti dubbi sul possibile aumento definitivo dei videogiochi next-gen, i quali hanno "finalmente" raggiunto gli 80€ per tripla-A. Alcuni analisti sostengono che l'aumento non riguarderà tutti i giochi e alcuni resteranno fermi al prezzo classico, ma sarà vero?

Di sicuro, sulla base di quanto appreso, nel caso l'aumento diventasse definitivo, Take-Two non avrebbe nulla da ridire, vero?

Fonte: RockPaperShotgun

Vai ai commenti (10)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Marcello Ruina

Marcello Ruina

Redattore

Contenuti correlati o recenti

PlayStation ha già pronto un 'suo' Xbox Game Pass: il report di Jason Schreier

Sony sta cominciando ad affrontare il competitor con un modello molto simile al Game Pass.

The Game Awards 2021 avranno annunci di tantissimi nuovi videogiochi

Cosa dobbiamo aspettarci da questi The Game Awards?

Articoli correlati...

Commenti (10)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza