Xbox Game Pass: quanto guadagnano gli sviluppatori? Phil Spencer prova a far chiarezza

Il servizio dalla prospettiva degli sviluppatori.

Xbox Game Pass è attualmente più grande che mai, vantando un'ampia varietà di giochi acclamati dalla critica e di successo commerciale disponibili ora anche sulle console next-gen Xbox Series X e Xbox Series S. Da The Witcher 3: Wild Hunt a Doom Eternal, la libreria disponibile nel servizio offre qualcosa per tutti, che si tratti di importanti blockbuster AAA o di oscure gemme indie.

Tuttavia, molti si sono chiesti esattamente come il team di Xbox stabilisca accordi con sviluppatori di terze parti che portano i loro titoli più importanti su Game Pass. Parlando in un'intervista dettagliata con The Verge, il capo di Xbox Phil Spencer ha parlato a lungo di come Microsoft compensi gli sviluppatori che aiutano a costruire la lineup di Game Pass.

"In realtà si basa sulle esigenze dello sviluppatore", afferma Spencer quando gli viene chiesto come vengono risolti i termini tra Xbox e sviluppatori di terze parti. Presumibilmente, gli sviluppatori chiedono spesso una certa somma di denaro in cambio della spedizione della loro versione su Xbox Game Pass al momento del lancio, il che Spencer sostiene sia un forte incentivo perché crea "una strada spianata per loro in termini di successo del loro gioco".

Xbox paga una certa somma di denaro che spesso va alla produzione del gioco (in alcuni casi, Microsoft ha persino coperto l'intero budget) e, visto che l'accordo non limita mai il titolo esclusivamente a Xbox Game Pass, significa tutto il reddito derivante ad esempio da Steam, PlayStation e Nintendo vanno dritti nel margine di profitto. Come dice Spencer, "sono protetti da qualsiasi rischio di ribasso". In alternativa, molti studi vicini alla conclusione del loro ciclo di sviluppo hanno appena chiesto una tariffa fissa per vedere anche il debutto del gioco sul servizio.

xbox

Spencer afferma che alcuni accordi sono un po' meno diretti, tuttavia, con accordi basati su "utilizzo e monetizzazione". Allo stato attuale, la società non è impostata su un solo modo per concludere accordi con Game Pass, sostenendo che è felice di sperimentare o adattare il processo allo sviluppatore. Secondo il capo di Xbox, il modello inizialmente doveva essere incentrato sull'utilizzo, proprio come i siti di streaming tipo Spotify.

In sostanza, gli sviluppatori venivano pagati di più a seconda dei download del titolo. Tuttavia, sembra che diversi studi non si fidassero di questo processo, chiedendo tariffe fisse piuttosto che un modello basato sull'utilizzo. Spencer spera che alla fine potrebbe tornare ad utilizzare questo modo, anche se forse attraverso un "modello ibrido".

Fonte: ResetEra e GameRant

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (17)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza