GameStop numeri da crisi. 783 negozi chiusi in due anni

Più di 460 in questo 2020.

Dopo diversi trimestri con continui crolli delle vendite sia a causa del COVID-19 che della mancanza di scorte della nuova generazione di console, GameStop ha finalmente raggiunto l'ultimo trimestre in cui deve affrontare di nuovo problemi.

Per il terzo trimestre terminato il 31 ottobre, GameStop ha registrato un fatturato netto di $ 1 miliardo, in calo del 30% su base annua e una perdita netta di $ 19 milioni, rispetto a una perdita netta di $ 83 milioni per lo stesso trimestre dello scorso anno. Il motivo di queste perdite è da associare appunto alla disponibilità limitata dell'hardware e degli accessori next-gen. Non solo: anche i rinvii di diversi giochi è una delle cause.

Fortunatamente non tutto è perduto: GameStop rileva alcuni aspetti positivi nei suoi libri contabili. Le sue vendite e-commerce sono aumentate del 257% anno su anno, il suo inventario è stato ridotto del 33% anno su anno, ha ridotto le spese di vendita, generali e amministrative di $ 115 milioni e ha rimborsato $ 10 milioni di debiti nel terzo trimestre. In totale i debiti di GameStop si attestano intorno ai $ 270 milioni di debito a breve termine e $ 216 milioni di debito a lungo termine.

GameStop ha annunciato inoltre di aver ufficialmente chiuso 462 dei suoi punti vendita entro il 31 ottobre, un numero che la società ha continuato ad aumentare ad ogni chiamata di guadagni. L'anno scorso, GameStop ha chiuso 321 negozi e prevedeva che alla fine del 2019 ne avrebbe chiusi altrettanti o più nel 2020. Nell'ultimo trimestre, ne ha chiusi 388 e si prevede che chiuderà tra 400 e 450 entro la fine dell'anno. In totale, questo porta le chiusure dei negozi di GameStop negli ultimi due anni a 783. Secondo una presentazione, la società prevede di chiuderne oltre 1.000 entro la fine dell'anno fiscale nel marzo del 2021.

gs

"Iniziamo il quarto trimestre con una domanda senza precedenti di nuove console per videogiochi lanciata a novembre, che ha portato a un aumento del 16,5% delle vendite dei negozi comparabili per il mese, nonostante la chiusura del Giorno del Ringraziamento e l'impatto delle chiusure dei negozi correlati a COVID-19, che ha influenzato la maggior parte della nostra impronta europea", ha affermato. "Prevediamo, per la prima volta in molti trimestri, che il quarto trimestre includerà una crescita positiva delle vendite e della redditività anno su anno, riflettendo l'introduzione di nuove console di gioco, e i continui benefici dei nostri costi e iniziative di efficienza, anche con i potenziali ulteriori impatti negativi sulle nostre operazioni a causa della pandemia globale COVID-19".

Fonte: GamesIndustry

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza