'Cyberpunk 2077 su PS4 e Xbox One costerà caro a CD Projekt RED. Si sono giocati la fiducia dei giocatori'

L'opinione di Forbes preannuncia strascichi molto gravi.

Il più grande gioco dell'anno, dopo numerosi rinvii, è arrivato pieno di problemi, una delusione per milioni di fan. Cyberpunk 2077 è un ottimo gioco se si ha a disposizione l'hardware giusto per eseguirlo, ma è stato lanciato su Xbox One e PS4 in una condizione disastrosa, e ora gli sviluppatori stanno iniziando la lunga e difficile strada per portare le versioni last-gen al massimo.

Da un certo punto di vista, il problema è ovvio: l'azienda chiede dei soldi per una cosa che non funziona. Ma come abbiamo visto dalle massicce vendite, CDPR non è esattamente in crisi. Tuttavia, il publisher e lo sviluppatore hanno infranto la fiducia dei giocatori e ciò potrebbe costare caro.

Fino alla scorsa settimana, la fiducia, è stato il bene più prezioso di CD Projekt Red, qualcosa di cui gode solo Rockstar Games ora. Poco dopo il lancio, l'editore e lo sviluppatore hanno tentato di rassicurare gli investitori affermando che le vendite di Cyberpunk 2077 avevano già recuperato i costi di sviluppo significativi, grazie in gran parte agli incredibili 8 milioni di preordini.

Ma come si ottengono 8 milioni di preordini? Solo grazie alla fiducia dei consumatori. Quegli 8 milioni di persone credevano che CD Projekt Red avrebbe pubblicato un gioco all'altezza. Per lo meno, credevano sicuramente che il gioco avrebbe funzionato sulla piattaforma su cui avevano scelto di acquistarlo. Alcuni di questi consumatori, quelli con PC di fascia alta, hanno ottenuto l'esperienza che stavano cercando. Ma altri milioni di utenti, no.

Su console, possiamo presumere che una grande percentuale di persone sta cercando di giocare su last-gen a causa della fornitura estremamente limitata di PS5 e Xbox Series X. Questi utenti hanno ricevuto la versione peggiore del gioco, ma anche le versioni PS5 o Xbox Series X non sono esattamente perfette, essendo quelle retrocompatibili.

E anche su PC, non sappiamo quanti giocatori stiano effettivamente giocando su un sistema abbastanza potente. Basti pensare che un numero enorme di quegli 8 milioni di preordini è rimasto deluso. Alcuni probabilmente chiederanno il rimborso e alcuni probabilmente lo hanno già fatto.

Ecco perché la dichiarazione di CD Projekt Red sul recupero dei costi di sviluppo non dovrebbe essere così rassicurante come sembra. Cyberpunk 2077 ha venduto tutti questi preordini non per il proprio merito, ma sulla base della fiducia che lo studio ha costruito con The Witcher 3. Questo non funzionerà la prossima volta.

Lo abbiamo visto accadere con la serie di Assassin's Creed. Assassin's Creed: Unity è stato ampiamente deriso per prestazioni scadenti e tonnellate di bug, ma in realtà ha venduto bene, almeno al momento del lancio. Ubisoft ne ha risentito l'anno successivo, quando ha lanciato Assassin's Creed: Syndicate e aveva già infranto la fiducia dei consumatori con Unity. Dopodiché, l'azienda si è dovuta prendere un anno di pausa per riguadagnare la fiducia di cui aveva bisogno per andare avanti.

Che ne pensate?

Fonte: Forbes.

Vai ai commenti (22)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Scott Pilgrim vs. The World: The Game - Complete Edition - recensione

Non molto tempo fa, nella misteriosa città di Toronto, in Canada, Scott Pilgrim si era messo con una liceale...

ArticoloThe Elder Scrolls 6 ci trasporterà ad Hammerfell? Partono le indagini!

Uomini lumaca? Esperanto? Relitti? Immergiamoci tra gli indizi disseminati da Bethesda.

ArticoloGeralt di Rivia: un protagonista disabile

"Non ho smesso di pensare a questa questione".

Commenti (22)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza