Resident Evil di George Romero. Un film mai realizzato e molto diverso da quelli con Milla Jovovich

Magari!

Prima dei film con Milla Jovovich, il papà degli zombie George A. Romero ha quasi realizzato un film di Resident Evil, che sarebbe stato molto diverso rispetto alle pellicole con la famosa attrice. Per i fan dell'horror e i devoti della cultura pop in generale, il defunto Romero non dovrebbe aver bisogno di presentazioni. Con La notte dei morti viventi del 1968, Romero ha stabilito le basi del sottogenere degli zombie.

Con i sequel Dawn of the Dead e Day of the Dead, Romero ha creato ulteriori classici di zombie e molti fan considerano ancora la sua trilogia originale come i migliori film di zombie mai realizzati. Senza Romero, non ci sarebbero né The Walking Dead, né Shaun of the Dead, né World War Z, né qualsiasi altra cosa che i fan del sottogenere abbiano imparato ad amare.

Sebbene Resident Evil non sia stato il primo videogioco horror, è sicuramente servito a stabilire il genere. Si è anche fortemente appoggiato agli zombie di Romero per alimentare paura e gli scontri con i nemici. Quando Romero è stato chiamato a scrivere e dirigere un film di Resident Evil, sembrava una vittoria garantita, almeno fino a quando non è stato licenziato. Ma ecco cosa avrebbe potuto creare.

La differenza principale che si può trovare nella sceneggiatura del film Resident Evil di George Romero rispetto al film che conosciamo è che si avvicina molto al materiale originale del videogioco. Considerando che la più grande lamentela sul franchise con Milla Jovovich è il poco tempo dedicato all'adattamento effettivo dei giochi, questo cambiamento sarebbe stato sicuramente molto apprezzato dai fan.

Resident_Evil_and_George_Romero_Header

La sceneggiatura di Romero è per lo più ambientata in una villa isolata / struttura segreta del laboratorio dell'Umbrella, come il gioco, e si concentra sui personaggi classici Chris Redfield e Jill Valentine. Erano inclusi anche il loro compagno Barry Burton e il boss traditore Albert Wesker, tra gli altri personaggi minori. È interessante notare che anche Ada Wong di Resident Evil 2 era stata tenuta in considerazione. Appaiono anche innumerevoli creature dei giochi, tra cui Hunter, Tyrant e altri conosciuti.

Per quanto possa sembrare interessante, anche Romero ha apportato alcuni strani cambiamenti. Ad esempio, Chris non è un membro della STARS, ma è un allevatore vicino a Racoon City che viene coinvolto quando i suoi animali vengono attaccati dai cani zombie. Barry è descritto come un muscoloso uomo di colore e un amico d'infanzia di Wesker. Per quanto queste modifiche potrebbero far storcere il naso ai fan, allo stesso tempo il film di Romero sarebbe stato una trasposizione molto, molto più accurata di Resident Evil rispetto a quanto fatto dal regista Paul W.S. Anderson. Fortunatamente, il prossimo film reboot sembra essere basato direttamente sui giochi.

Che ne pensate?

Fonte: Screenrant.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Halo Infinite espande l'accesso alla tech preview a tutti i membri Xbox Insider

343 Industries apre le porte di Halo Infinite a un maggior numero di giocatori.

Activision Blizzard ennesima causa legale: accordo da $18 milioni con la Federal Employment Agency

La U.S. Equal Employment Opportunity Commission porta in tribunale Activision Blizzard.

Halo Infinite convince il co-creatore di Halo Marcus Lehto? Le reazioni alla beta

Marcus Lehto sembra contento della beta di Halo Infinite.

Frank and Drake: Frankenstein e Dracula sono coinquilini in una particolare avventura

I coinquilini più singolari di sempre in Frank and Drake.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza