Hitman 3: Series X batte PS5 sul campo della risoluzione - analisi tecnica

Ma come sono le prestazioni? Analizziamo tutte le versioni next-gen.

L'ottimo Hitman 3 di IO Interactive è finalmente disponibile: è un ambizioso progetto cross-platform che porta il Glacier Engine dello sviluppatore su tante piattaforme diverse, come non era mai successo prima per la serie. In un altro articolo analizzeremo il motore grafico concentrandoci su come sia cambiato e come le migliorie vengano sfruttate da Hitman 3 (e nelle missioni dai capitoli precedenti), mentre qui il focus è sulle versioni PlayStation 5, Xbox Series X e Series S. Lo diciamo subito: è la prima volta che l'investimento che Microsoft ha fatto sull'hardware si fa sentire, con un vantaggio tangibile sull'ammiraglia Sony.

Ora non fraintendeteci, Hitman 3 si comporta bene su tutte le console di nuova generazione soprattutto grazie all'obiettivo dei 60fps, cosa che non succedeva nei precedenti capitoli dove IO Interactive ci chiedeva di scegliere tra modalità qualità (limitata a 30fps) e prestazioni (con frame-rate sbloccato). Inoltre, in passato sulle versioni “potenziate” della last-gen era possibile scegliere anche la risoluzione, mentre nel caso di Hitman 3 su next-gen siamo a 60fps, e su last-gen siamo a 30fps (con l'unica eccezione di PS4 Pro, dove si può giocare a 1080p60 in modalità “frame interpolated”.)

Analizzeremo le prestazioni più avanti, ma cominciamo dicendo che l'obiettivo di IO è centrato per la grande maggioranza del tempo, visto che tutt'e tre le macchine next-gen raramente scendono sotto i sessanta fotogrammi al secondo. Quello che cambia, però, è come lo fanno. In cima alla classifica troviamo Xbox Series X che ha risoluzione nativa di 4K (quindi effettivamente un frame-rate doppio e un maggiore pixel count rispetto a Xbox One X ferma a 1440p30). In seconda posizione c'è PlayStation 5, dove il gioco gira a 1800p, mentre chiude la fila Xbox Series S che si ferma a 1080p (sempre con 60fps come obiettivo). Non è presente la risoluzione dinamica, ma il TAA è usato furbamente su ogni piattaforma.

Il primo video che il Digital Foundry dedica a Hitman 3, qui ci concentriamo sulle tre console next-gen.

Ma non ci sono solo risoluzione è frame-rate: le opzioni grafiche di Hitman 3 sembrano quasi identiche su Series X, Series S e PS5, con solo qualche differenza minore. Gli sviluppatori sono stati molto cortesi nel condividere con noi un confronto punto per punto tra le versioni console e quella PC, quindi è stato facile individuare un paio di cambi. Si comincia dalla qualità delle texture: su Xbox Series X e PS5 siamo al massimo livello, mentre su Series S (per le diverse capacità di memoria) si scende a livello alto.

Anche sul fronte delle ombre ci sono differenze: su Series S siamo a un livello corrispondente a quello basso su PC (così come succede su console base last-gen), mentre saliamo a medio su PlayStation 5 (come su One X e PS4 Pro) e infine ad alto su Xbox Series X. Le differenze non sono poi così evidenti, ma comunque presenti. Per quanto riguarda tutte le altre opzioni grafiche, le tre console next-gen sono allo stesso identico livello, cosa che sottolinea una presentazione davvero di qualità. Certo, Series X ha un vantaggio di risoluzione, cosa che esalta i punti di forza del Glacier Engine, ma detto questo dobbiamo sottolineare che la versione PlayStation 5 non soffre della risoluzione minore, e Hitman 3 è comunque bellissimo da vedere.

Ma il frame-rate? Dicevamo in apertura che l'obiettivo è nella grande maggioranza dei casi centrato, e confermiamo che IO Interactive è riuscita a non staccarsi dai 60fps se non in sparute occasioni. Fortunatamente Hitman 3 permette di giocare tutte le missioni fin dal primo avvio, e dunque abbiamo potuto metterlo alla prova approfonditamente su piattaforme Xbox e PlayStation.

Detta facile, siamo a 60fps con due sole eccezioni: la prima è la missione Mendoza in Argentina dove il frame-rate scende tra i 50 e i 60 su console Xbox in un campo vicino al confine del livello, mentre la versione PlayStation 5 non ha cali. La seconda eccezione è un colpo di stutter all'inizio della missione ambientata a Miami di Hitman 2, dove tutte le console scendono fino a 40fps. Speriamo che IO cerchi di risolvere i due singhiozzi, ma va detto che stiamo proprio cercando il pelo nell'uovo, e si tratta di due eccezioni che non inficiano in alcun modo la qualità generale del gioco.

Altre differenze tra le console? In realtà, no. Diciamo così, uno dei più notevoli balzi in avanti in termini di qualità dell'esperienza, in questo passaggio tra generazioni, riguarda la durata dei caricamenti. Su next-gen sono circa quattro volte più veloci e tutte le console evidenziano questo miglioramento. PlayStation 5 è qualche frazione di secondo più rapida di Xbox Series X, che a sua volta è appena più veloce di Series S, ma le differenze sono davvero minime.

Torneremo a occuparci di Hitman 3 comprendendo nella nostra analisi anche le versioni last-gen e quella PC. Già da ora, comunque, possiamo dire che le due generazioni di console hanno parecchio in comune (la maggiore differenza è il frame-rate), e solo su PC si iniziano a raggiungere i limiti del motore grafico. Sotto questo profilo, insomma, Hitman 3 continua la missione iniziata dai precedenti episodi della serie. Particolarmente curiosa è la modalità 1080p60 di PS4 Pro, che sembra funzionare piuttosto bene tanto che sembra strano non sia proposta su Xbox One X, ma ne parleremo più approfonditamente in futuro: abbiamo in programma diversi altri contenuti dedicati alle ultime missioni dell'Agente 47.

Vai ai commenti (20)

Riguardo l'autore

Thomas Morgan

Thomas Morgan

Senior Staff Writer, Digital Foundry

32-bit era nostalgic and gadget enthusiast Tom has been writing for Eurogamer and Digital Foundry since 2011. His favourite games include Gitaroo Man, F-Zero GX and StarCraft 2.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (20)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza