Six Days in Fallujah 'non Ŕ un gioco politico'. Assurdo ma lo hanno detto davvero

Gli sviluppatori nel bel mezzo delle critiche.

Six Days in Fallujah, un gioco basato su eventi reali che si svolge durante la Seconda Battaglia di Fallujah nel 2004, "non è un gioco politico", secondo il suo publisher.

Dopo essere stato cancellato dal suo publisher originale nel 2009, lo sparatutto militare tattico Six Days in Fallujah è ora tornato in sviluppo grazie a Highwire Games, uno studio composto da ex sviluppatori di Halo e Destiny.

Pensereste che un gioco ambientato in una zona di guerra nella vita reale sarebbe politico per sua stessa natura, ma a quanto pare, lo studio di sviluppo e il publisher dietro il progetto stanno cercando di affrontarlo "in modo apolitico".

In un'intervista con Polygon, il boss del publisher Victura, Peter Tamte, ha spiegato che lo scopo di riportare Six Days in Fallujah in vita è quello di evidenziare "la complessità del combattimento urbano" permettendo di vedere il mondo dal punto di vista dei soldati.

"Per noi come team si tratta davvero di aiutare i giocatori a comprendere la complessità del combattimento urbano", ha detto Tamte nell'intervista.

"Riguarda le esperienze di individui che erano lì a causa di decisioni politiche. E vogliamo mostrare come le scelte che vengono fatte dai responsabili politici influenzano le scelte che [un marine] deve fare sul campo di battaglia. Proprio come questo [Marine], non stiamo cercando di fare un commento politico sul fatto che la guerra stessa sia stata o meno una buona o una cattiva idea".

Alcuni potrebbero obiettare che la scelta di realizzare questo gioco è - di per sé - già un "commento politico". Abbiamo già riscontrato qualcosa di simile in passato, in particolare quando Ubisoft ha affermato che durante la campagna di marketing di The Division 2 essere "apertamente politici" nei giochi è "un male per gli affari".

"Un messaggio che ho sentito da tutte le persone che hanno perso i propri cari in battaglia è che non vogliono che il sacrificio venga dimenticato", spiega Tamte. "Anche coloro che erano contrari [alla guerra in Iraq]. E ho avuto conversazioni con molti di loro, così come con altri membri del nostro team, in particolare ex militari che fanno parte della nostro team [che] hanno avuto conversazioni con molte di queste famiglie nel 2009, e abbiamo sentito uno dopo l'altro: "Non voglio che tu faccia un gioco su questo, ma non vogliamo che il sacrificio di nostro figlio venga dimenticato."

"La realtà è che la maggior parte delle persone non è a conoscenza della battaglia di Fallujah".

Neil Druckmann di Naughty Dog ha detto la sua sull'argomento in un tweet: "se il tuo gioco tratta argomenti seri, allora è intrinsecamente politico. Se questo è un problema, crea un gioco diverso..."

Il publisher sottolinea il fatto che il team di sviluppo non ha deciso di creare un gioco simile a Call of Duty. "[...] Per la maggior parte [dei parenti dei veterani di guerra] la loro unica idea di videogioco è guardare qualcun altro giocare a Call of Duty. Il nostro compito ora è mostrare alle persone che non stiamo realizzando Call of Duty".

Pochi giorni fa, il titolo è stato accusato anche dall'analista Daniel Ahmad dicendo che "Six Days in Fallujah giustifica i crimini di guerra degli USA".

Il gioco è stato originariamente annunciato e sviluppato da Atomic Games nel 2009 e doveva essere pubblicato da Konami, ma grazie al suo argomento controverso, il gioco è stato cancellato e per lo più dimenticato fino a poco tempo fa.

Fonte: VG247.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi¨ rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza