PS5: Sony starebbe censurando le rappresentazioni di violenza nei videogiochi

Un report interessante, ma qual č il limite da non superare?

Sony sta censurando rappresentazioni violente nei videogiochi secondo un recente report. Il grado di violenza nei videogiochi è stato un aspetto controverso da un po' di tempo e si discute spesso sul fatto che i giochi debbano avere livelli di violenza inferiori per renderli accessibili a un pubblico più ampio. Nonostante ciò, un certo numero di sviluppatori ha continuato a raffigurare alcuni toni maturi e oscuri nei giochi.

Secondo un report su GameSpark Japan (via ResetEra), Sony sta chiedendo agli sviluppatori di rimuovere le raffigurazioni violente nei videogiochi. Questo è stato detto dal presidente e CEO dello studio di sviluppo giapponese Cyberconnect2 Hiroshi Matsuyama, il quale afferma che Sony ha costretto gli sviluppatori ad apportare modifiche alla serie Naruto Ultimate. A uno dei personaggi del gioco, Minato Namikaze, mancava un braccio nella storia originale. Tuttavia, nella gioco finale, il suo braccio era presente per rispettare le politiche di Sony.

Inoltre afferma che la ragione di questo era che la perdita di arti nei personaggi che hanno un aspetto umano non era consentita da Sony Interactive Entertainment. Nella storia, Minato non è tecnicamente un umano considerando che è risorto. Tuttavia, dato che il personaggio aveva un aspetto umano, non era consentito.

2560px_Sony_Interactive_Entertainment_San_Mateo_2_2_ds1_1340x1340

Particolarmente degno di nota è il fatto che SIE ha consentito tali raffigurazioni in alcuni giochi. Matsuyama afferma che Dragon Ball Z Kakarot ha una sequenza in cui il braccio di Nappa viene smembrato. Sorprendentemente, questo non è stato omesso dal gioco perché c'è una differenza tra i due giochi. Non si parla di questa differenza, ma è probabile che la serie di Naruto abbia un tono più realistico.

La posizione di Sony su questo argomento è piuttosto sorprendente, considerando il fatto che alcune delle sue produzioni hanno stabilito un punto di riferimento per i toni maturi nei videogiochi. Ad esempio, The Last of Us 2 ha diversi momenti brutali e cruenti che, nonostante alcune critiche, sono stati ampiamente acclamati.

Fonte: Dualshockers.

Vai ai commenti (37)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pių rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (37)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza