Halo Infinite sarà un "reboot spirituale" della serie, parola di 343 Industries

Un ritorno alle origini.

Halo Infinite doveva essere il titolo di punta delle console next-gen di Microsoft, Xbox Series X e S ma, come ormai sapete, il destino aveva ben altri progetti in mente per l'opera di 343 Industries.

Il gioco è attualmente atteso per la fine del 2021 e, fino ad allora, continueremo a ricevere aggiornamenti sullo stato dei lavori in modo chiaro e trasparente. Diciamo che è anche un modo per farsi perdonare del silenzio stampa dell'anno precedente.

In linea con questa promessa, il Campaign Art Lead Justing Dinges e il Sandbox Lead Troy Mashburn, hanno pubblicato un nuovo intervento sul sito ufficiale Halo Waypoint, nel quale discutono dell'attuale stato di Halo Infinite e, soprattutto, quello che esso rappresenta per gli sviluppatori.

Stando alle loro parole, il gioco sarà un "reboot spirituale" della serie: vogliono che Infinite, nonostante le varie migliorie e modernità, riporti la serie alle proprie radici e restituisca ai fan il feeling dei primi capitoli.

Ecco quanto dichiarato da Dinges:

"Da un punto di vista artistico, ciò significa che vogliamo sia introdurre nuovi giocatori, sia dare il benvenuto ai vecchi giocatori, con le iconiche visuali di Halo su cui sono stati costruiti i giochi originali. Vogliamo che i giocatori abbiano quel senso di stupore e meraviglia, quando entreranno nel mondo che stiamo costruendo. Tutto ciò si lega ai nostri obiettivi di "Legacy" e "Semplicità", che usiamo costantemente come obiettivi per prendere decisioni artistiche. Come primo esempio, abbiamo scelto intenzionalmente di iniziare il viaggio di Chief in Halo Infinite all'interno del bioma della foresta del Pacifico nord-occidentale su un nuovo anello di Halo, un'ode deliberata al passato. Un altro buon esempio è come abbiamo ripreso il design di Jackals e Grunts, riportandoli più vicini al loro look di Halo 3 e dei titoli precedenti. Vogliamo che i giocatori provino una familiarità nostalgica con questi design, come incontrare un vecchio amico, mentre sperimentano tutto ciò che Halo Infinite ha da offrire.".

Mashburn conferma quanto detto dal collega, aggiungendo inoltre:

"'Reboot spirituale' è un termine che usiamo per descrivere il nostro approccio nell'introdurre nuove idee, cercando di restare fedeli al feeling dei giochi classici. 'Feeling' è la parola chiave qui, perché vogliamo evolvere, creare nuove esperienze e opportunità, ma anche mantenere l'essenza originale.".

L'originale reveal di Halo Infinite è stato accolto molto negativamente dai fan, ma questo rinvio tanto sofferto potrebbe essere la chiave vincente per un'esperienza Halo perfetta. Le parole di 343 Industries sono molto incoraggianti, vedremo se reggeranno il prossimo confronto con i giocatori, gameplay alla mano.

Halo Infinite è atteso per la fine del 2021 su Xbox Series X/S, Xbox One e PC.

Fonte: Gamingbolt

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza