Epic Games vs Apple: in Arizona una legge Ŕ a favore dei creatori di Fortnite

I sistemi di pagamento alternativi potrebbero arrivare su iOS e Android.

La Camera dei Rappresentanti dell'Arizona ha approvato un disegno di legge che potrebbe avere conseguenze di vasta portata sia su Apple che su Google, dando potenzialmente ragione ad Epic Games. Il disegno di legge vieta agli operatori di app di costringere uno sviluppatore con sede nello stato a utilizzare un solo sistema di pagamento. Ora questa proposta andrà al senato dello stato, dove dovrà passare prima di essere inviato al governatore dell'Arizona Doug Ducey.

L'emendamento vieta espressamente ai negozi che superano 1 milione di download di richiedere "a uno sviluppatore domiciliato in questo stato di utilizzare un particolare sistema di pagamento in-application come modalità esclusiva di pagamenti per l'utente". Copre anche gli utenti che vivono in Arizona dal dover pagare per app utilizzando sistemi di pagamento esclusivi, anche se non è immediatamente chiaro se ciò significa che gli sviluppatori al di fuori dell'Arizona possono evitare di pagare commissioni ad Apple e Google quando vendono qualcosa a un residente dell'Arizona.

La scorsa settimana l'emendamento è stato approvato per poco dalla Commissione dell'Arizona House con un voto di 7 contro 6. Notevoli oppositori del disegno di legge sono stati i democratici, che hanno sostenuto che i legislatori statali non dovrebbero essere coinvolti in questioni legali in corso tra le società, in riferimento alle cause legali antitrust in corso tra Apple e Google e società come il produttore di Fortnite Epic Games.

Il disegno di legge apre la porta agli sviluppatori che utilizzano sistemi di pagamento di terze parti, consentendo loro di aggirare il taglio del 30% standard del settore che Apple e Google hanno raccolto per anni. Non è chiaro come risponderanno le aziende tecnologiche, poiché il disegno di legge potrebbe avere effetti significativi sulle loro attività nello stato dell'Arizona, esercitando anche pressioni su di loro affinché cambino le regole per tutti gli sviluppatori ovunque.

fortnite

Il disegno di legge ha attirato l'interesse da parte di Apple e Google. Apple avrebbe infatti contattato il lobbista Rod Diridon e ha assunto Kirk Adams, l'ex capo del personale del governatore dell'Arizona, per aiutare a presentare il suo caso alla Camera dei rappresentanti. In una testimonianza davanti alla Camera, il chief compliance officer di Apple, Kyle Andeer, ha affermato che l'App Store fornisce valore agli sviluppatori che ne garantiscono la commissione. "La commissione è stata descritta da alcuni interessi speciali come una 'commissione per l'elaborazione dei pagamenti', come se Apple stesse semplicemente facendo usare una carta di credito. È terribilmente fuorviante. Apple fornisce agli sviluppatori un'enorme quantità di valore: sia lo store per distribuire le loro app in tutto il mondo sia lo studio per crearle. Questo è ciò che sta dietro alle commissioni", ha detto Andeer in una testimonianza scritta.

Anche il co-fondatore di Basecamp David Heinemeier Hansson ha presentato testimonianze per due progetti di legge - questo in Arizona e un altro in North Dakota - a sostegno della legislazione per rompere quelli che considera monopoli sulla distribuzione del software, e ha condotto un'appassionata campagna contro Apple in particolare dalla scorsa estate, quando il produttore di iPhone è impegnato in una controversia con Basecamp sulla sua nuova applicazione di posta elettronica Hey.

Apple ha già fatto alcune concessioni con gli sviluppatori in risposta alla crescente pressione antitrust. La società ha annunciato un nuovo programma per le piccole imprese alla fine dello scorso anno che consente agli sviluppatori che guadagnano meno di $ 1 milione di entrate annuali di ridurre le commissioni dell'App Store che pagano ad Apple dal 30% al 15%.

Ma queste concessioni sono solamente un piccolo inizio per i detrattori di Apple. "Apple ha già un vantaggio incredibile su qualsiasi azienda che osi competere con loro, e presto potrebbe prendere una fetta importante del mercato", ha scritto Hansson nella conclusione della sua testimonianza. "Darci almeno una possibilità di combattere imponendo una scelta nell'elaborazione dei pagamenti è la cosa giusta da fare".

Fonte: The Verge

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza