Xbox 'paladina' della retrocompatibilità: "I vecchi classici vanno preservati!"

Una chiara risposta a Sony?

Microsoft e Sony hanno mostrato, con il passare del tempo, due mentalità completamente diverse riguardo la retrocompatibilità del nuovo hardware con i titoli delle precedenti generazioni.

Mentre Sony è stata convinta (quasi a fatica) ad inserirla su PS5, limitandola solo al software PS4, Microsoft ha trasformato Xbox Series X e S in vere e proprie macchine del tempo, rendendole compatibili con il software Xbox One, Xbox 360 e Xbox Original, ben tre generazioni passate.

La recente notizia di Sony in procinto di chiudere gli store PS3, PSP e PSVita, la quale causerà l'effettiva cancellazione di qualsiasi software digital-only pubblicato due generazioni fa, non ha fatto altro che evidenziare la supremazia di Microsoft nella preservazione del passato.

La compagnia americana ne è chiaramente consapevole e ha approfittato di questo momento per reiterare la propria strategia su Twitter, con un messaggio semplice e conciso:

"Con il passare del tempo, è più importante che mai assicurarsi che i giochi iconici e i grandi classici siano preservati, sia per i nuovi che per i vecchi giocatori. Che la tua prima esperienza in Morrowind risalga al 2002 sulla tua Xbox o al 2021 sul tuo smartphone, siamo entusiasti di condividere queste esperienze con tutti voi!".

La retrocompatibilità continuerà a ricoprire un ruolo importante durante questa generazione, oppure sarà una feature che perderà interesse, una volta che avremo a disposizione un buon numero di titoli next-gen?

Fonte: Twitter

Vai ai commenti (100)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Marcello Ruina

Marcello Ruina

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (100)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza