'I grandi streamer non sono persone come voi'

Twitch e le parole di Asmongold.

Il noto streamer di World of Warcraft, Asmongold, ha discusso con i propri spettatori di una questione particolarmente interessante: considerare gli streamer famosi come "persone comuni", esattamente come lo spettatore.

Asmongold ritiene che questa mentalità è semplicemente sciocca e invita i suoi utenti a non essere ingannati dalle apparenze: gli streamer, nonostante il loro continuo rapporto con il pubblico, non sono gente comune, ma persone molto ricche e distanti.

Mentre giocava a Shadowlands, Asmon ha discusso di questo argomento, dichiarando quanto segue:

"Da un certo punto di vista, potersi relazionare con uno streamer è importante, certo. Ma penso che le persone siano veramente illuse, quando vedono uno streamer e pensano 'Oh, è proprio come me'. Questa persona non è assolutamente come te, fanno 50.000 dollari al mese giocando ai videogiochi, hanno persone che li pagano 10.000 dollari solo per fare dei tweet. Comprano auto nuove in ogni momento, è veramente una grande menzogna.".

Gli streamer, specialmente quelli più famosi, dispongono di diversi mezzi per capitalizzare il proprio successo: in aggiunta agli abbonamenti di Twitch, esistono anche le donazioni, gli eventuali Patreon e canali Youtube associati, senza dimenticare le collaborazioni a pagamento con i più importanti brand legati al mondo gaming e non solo.

Sommando tutto questo, è chiaro che un content creator è più di una semplice persona che sta davanti una webcam.

La questione merita sicuramente discussione: secondo voi è giusto considerare gli streamer famosi come persone semplici e gamer sul nostro stesso livello, oppure è chiaro che fra loro e il proprio pubblico c'è un palese divario, economico e non solo?

Fonte: Dexerto

Vai ai commenti (9)

Riguardo l'autore

Marcello Ruina

Marcello Ruina

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (9)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza