PlayStation e il cross-play? 'Sony chiede un compenso per consentirlo'

Epic Games e il caso Fortnite confermano.

Il processo Apple vs Epic Games è iniziato da solo un giorno e le montagne russe di dichiarazioni, documenti e numeri che hanno attraversato il tribunale sono incredibili. Tutto è iniziato con la rivelazione di quanto è costato a Epic offrire tutti i loro giochi gratuiti.

Ma c'è di più. Non solo le due società principali sono coinvolte, ma il caso sta rivelando dettagli su terze parti. In questo caso stiamo parlando di Sony, poiché attraverso l'apparizione di Tim Sweeney, presidente di Epic Games, abbiamo potuto sapere che PlayStation stabilisce commissioni per gli studi che vogliono abilitare il crossplay sulle loro piattaforme.

Attraverso le informazioni pubblicate da The Verge, Sweeney spiega che "Sony è l'unica che impone questo compenso". Al di là di quanto abbia detto Sweeney, i documenti presentati durante il processo, appartenenti al 2019, e condivisi dai media americani sono più rivelatori. In questi documenti infatti si può dare uno sguardo alle clausole che Sony stabilisce per includere il crossplay.

s1

In sostanza, attraverso la rendita mensile di un gioco, la percentuale di guadagno su PlayStation viene divisa per la percentuale di gioco su PlayStation. Se il risultato è inferiore a 0,85, lo studio paga il risarcimento a Sony, mentre se il risultato è maggiore di 0,85, la clausola non si applica. A questo proposito, le email condivise durante il processo, rivelano informazioni nei mesi precedenti l'abilitazione del cross-play. Epic, tramite il suo vice presidente per lo sviluppo aziendale Joe Kreiner, ha cercato di convincere Sony ad abilitare un sistema del genere.

s2

Le concessioni non finiscono qui. Epic offre di annunciare la propria presenza all'E3 con PlayStation o di aggiungere personaggi unici ed esclusivi per gli utenti di PlayStation Plus. "Facciamo in modo che questa sia una grande vittoria per tutti noi", chiede Kreiner. Mentre Sony alla fine ha accettato di abilitare il crossplay, la sua posizione è stata inizialmente negativa.

s3

Gio Corsi, direttore di SIE America, spiega che "il gioco multipiattaforma non è un grande movimento indipendentemente dalle dimensioni del titolo. Come sapete, molte aziende stanno esplorando questa idea e nessuna può spiegare come il gioco tra console migliori gli affari di PlayStation" , spiega Corsi. Ad ogni modo il processo continuerà per altre tre settimane: rimanete sintonizzati con noi per saperne di più.

Fonte: Wccftech

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (3)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza