PS5: videogioco troppo difficile? Sony ha un brevetto per regolare la velocitÓ dell'azione in base all'abilitÓ del giocatore

Un futuro fatto di "ritmo dinamico"?

Da quando è uscita PlayStation 5 sono molti i brevetti che Sony ha pubblicato per la sua console next-gen: l'ultimo in termini di cronologia prevede che il gioco si adatti all'abilità del giocatore.

Secondo quanto riportato dal brevetto, "le latenze fisiologiche per i controlli così come la latenza mentale basata sulla capacità fisiologica" sono diversi tra i giocatori. Questo e la "competenza di gioco" diventano fattori importanti per determinare i tempi di risposta dei giocatori nei giochi. Ad esempio, un gioco con sessioni frenetiche potrebbe essere difficile da giocare per alcuni utenti.

Con questo brevetto in sostanza Sony ha creato un sistema che impara dalle prestazioni dei giocatori prima di aggiungere un'opzione che consente di "rallentare" il gioco. Allo stesso modo, se i giocatori dimostrano di migliorare in termini di input di controllo rapido, il sistema può ridurre automaticamente l'handicap di latenza al volo.

ps1

Questo sistema potrebbe essere utile per giochi ad esempio sparatutto dove i riflessi fulminei sono importanti: in questo tipo di giochi, gli utenti con disabilità o con riflessi lenti potrebbero non riuscire a competere con gli altri. Questo sistema rallenterebbe il gameplay e potrebbe rivelarsi utile in determinate situazioni.

Come sempre si tratta di un brevetto, pertanto non sappiamo se verrà mai implementato.

Fonte: Segment-next

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza