Microsoft, Google e Apple starebbero facendo di tutto per bloccare la legge per riparazioni più semplici e meno costose

Colossi tech vs. Right to Repair.

Vedere grandi compagnie che attraverso lobbisti e influenze di vario tipo fanno di tutto per contrastare o favorire norme o disegni di legge non è di certo novità e l'ultimo caso è al centro di un report di Bloomberg che punta il dito contro un trio di colossi tech che avrebbero unito le forze contro un nemico comune.

Il report in questione rivela che Microsoft, Apple e Google starebbero collaborando per bloccare le leggi legate al "Right to Repair". Queste leggi che cercano di trovare spazio negli USA, hanno l'obiettivo di costringere le compagnie come le tre sopracitate a rendere le riparazioni dei loro dispositivi molto più semplici e quindi meno costose. La legge prevede che le compagnie rendano disponibili schemi, parti ufficiali e manuali di riparazione anche ai tecnici indipendenti ed evidentemente questa idea non è particolarmente apprezzata.

Circa 27 Stati hanno preso in considerazione la legge in questa prima metà del 2021 ma in più della metà dei casi è stato tutto bloccato in men che non si dica. Apple fornisce anche delle motivazioni ufficiali contro la legge: il fatto che queste misure potrebbero portare a danni ai dispositivi o a pericoli per i consumatori stessi che potrebbero provare a riparare da soli i device.

"Apple vuole che le persone comprino nuovi dispositivi, questo è il motivo per cui è contro la legge e non risponde alle mie email. Per loro contano solo i soldi, non pensano di certo alla persona che ha dei problemi con il proprio iPad", ha invece sottolineato Justin Millman che possiede diversi negozi indipendenti.

1

Proprio Apple, d'altro canto, propone l'alternativa Independent Repair Program, una iniziativa pensata per fornire parti, strumenti, manuali e non solo anche ai negozi non ufficiali. Il problema è che le limitazioni sono decisamente importanti: la riparazione deve essere portata avanti da tecnici certificati da Apple e diverse parti come gli schermi degli iPad non vengono forniti rimanendo esclusiva dei negozi ufficiali di Apple che diventano così l'unica possibile opzione per i clienti.

Grandi colossi che vogliono avere servizi esclusivi per guadagnare di più. Nulla di nuovo sotto il sole.

Fonte: WccfTech

Vai ai commenti (14)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

PS5, Xbox Series X/S e GPU introvabili? Dal 2023 potrebbe esserci addirittura un eccesso

L'offerta di chip potrebbe superare di gran lunga la domanda.

Disney Classic Games Collection includerà anche la versione SNES di Aladdin

Disney Classic Games Collection è una raccolta dei titoli più iconici ispirati ai vari cartoni animati.

Street Fighter, Streets of Rage e non solo: è morto Mick McGinty, grande artista dietro a splendide copertine

Mick McGinty ha lavorato su alcune delle cover più famose degli anni '90.

NVIDIA e AMD: le GPU registrano un aumento di prezzo del 70%

La disponibilità delle GPU NVIDIA e AMD peggiora anche nel quarto trimestre.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (14)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza