Chia, la criptomoneta "rivale" del Bitcoin che starebbe distruggendo il mercato degli hard disk

Lo ammette il creatore stesso.

L'alternativa (teoricamente) green ai bitcoin forse sta creando più problemi di quanti ne dovrebbe risolvere, in primis al mercato dei dispositivi di stoccaggio dati. Questo è quanto emerge dai primi dati sull'esordio della cryptovaluta Chia, che si basa su fondamenti diversi dal Bitcoin.

Mentre il Bitcoin viene "creato" e mantenuto da GPU costantemente impegnate in calcoli "formali" utilizzati come indicatori, Chia deriva dall'utilizzo costante di hard disk stipati di dati appositi. Secondo il suo creatore, Gene Hoffman, questo è un procedimento molto più ecologico, poiché consuma molta meno energia per essere mantenuto.

In più, in molti hanno sperato che ripartire il "carico" delle cryptovalute anche sui dischi rigidi avrebbe contribuito sensibilmente a diminuire la caccia selvaggia alle schede video delle ultime stagioni. A quanto pare, però, Chia si è semplicemente aggiunta al Bitcoin, senza prenderne una "fetta" di mercato liberando il mercato delle GPU "in ostaggio".

Chia

Purtroppo, non è tutto oro quel che luccica (seppur virtualmente): il consumo elettrico è sì ridotto, ma comunque presente, gli hard disk in uso hanno un'elevata probabilità di usurarsi in pochissimo tempo e, naturalmente, anche questa categoria di device sta diventando richiestissima, in alcuni casi di difficile reperimento... con conseguente aumento dei prezzi.

Fonte: New Scientist

Vai ai commenti (32)

Riguardo l'autore

Contenuti correlati o recenti

Nintendo Direct commentato in diretta dalle 23:45!

Seguite con noi le tante novità che verranno mostrate al Nintendo Direct.

Nintendo Switch OLED nel primo (folle) video unboxing

Uno sguardo in anteprima a Switch OLED.

Steam Deck aggiorna la pagina di FAQ tra tanti dettagli e curiorità

Volete sapere qualcosa in più su Steam Deck? Visitate la pagina di FAQ.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (32)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza