OlliOlli World - prova

Un coloratissimo mondo da esplorare in compagnia del proprio skate.

Se Roll7 fosse uno studio tradizionalmente impegnato nello sviluppo di grandi progetti tripla A, un'esperienza come quella di OlliOlli World non sarebbe mai potuta esistere. In quel tipo di mercato le serie di videogiochi che raggiungono una certa longevità sono ancorate ad alcune regole ben precise, che impongono ai nuovi capitoli di non allontanarsi poi molto dagli stilemi e dalle formule che hanno reso celebre la saga.

Fortunatamente nel campo dello sviluppo indipendente non esistono vincoli dettati da logiche di business ed è soltanto la creatività a regnare sovrana. Ecco perché dopo due apprezzati OlliOlli realizzati in pixel art e ambientati in scenari urbani e underground, Roll7 tira il freno a mano e va nella direzione opposta, scegliendo per World un incantevole stile grafico che non ha niente a che vedere coi lavori precedenti del team britannico.

La ricetta di gameplay è sempre la stessa ma questo nuovo capitolo è irriconoscibile e molto più ispirato: OlliOlli World è un affascinante platform a scorrimento nel quale, in compagnia del nostro skate, dovremo attraversare i diversi livelli del gioco cercando di accumulare il maggior numero di punti con trick e grind ad alto coefficiente di difficoltà.

Questa volta, però, lo sfondo delle nostre imprese è Radlandia, un regno bizzarro e colorato popolato da creature stravaganti e pittoresche. Il reveal trailer pubblicato dagli sviluppatori diversi mesi fa ci aveva permesso di farci un'idea su tutto questo ma non vedevamo l'ora di scendere in pista per capire come il gameplay avrebbe sorretto un mondo di tale bellezza.

L'occasione di chiudere qualche ollie ci è stata fornita da un demo concessa dagli sviluppatori, focalizzata su due intere aree da gioco che abbiamo potuto esplorare livello dopo livello. Le prime corse sono state abbastanza introduttive e, oltre a presentare la famiglia di eccentrici personaggi che accompagnerà il protagonista nel suo viaggio, ci hanno permesso di conoscere i rudimenti di un sistema di controllo davvero semplice e immediato, che ha lo scopo di permettere davvero a tutti di godersi un giro in skateboard nella meravigliosa e ridente Radlandia.

Con un tasto si prende velocità mentre premendo l'analogico sinistro in una determinata direzione il personaggio salterà e si esibirà in un trick, semplice o elaborato in base alla complessità del percorso della levetta. C'è poi la possibilità di ricevere punti extra incassando una chiusura perfetta o effettuando un grab mentre si è in aria, ma un livello di OlliOlli World non richiederà nulla di tutto ciò per essere completato e garantirà sempre al giocatore di potersene infischiare di punteggi e combo per godersi il panorama in completo relax.

OlliOlli_World_2
Tra grind, salti e rampe, perdersi nel flow di OlliOlli World è incredibilmente semplice.

La ricerca del record non è infatti l'unica attività degna di nota alle prese col nuovo titolo di Roll7. Ciascuna corsa offre percorsi multipli che conducono in aree del tutto inedite, e non è affatto raro mentre si esplorano nuovi tragitti incontrare dei personaggi speciali che affidano al giocatore vere e proprie missioni secondarie che poi sbloccano aree segrete sulla mappa di gioco.

Naturalmente, per chi è alla ricerca di qualcosa di più che una semplice passeggiata tra i biomi di Radlandia, OlliOlli World propone diversi obiettivi e sfide da completare per ciascun livello, che possono richiedere il raggiungimento di un particolare record ma anche di scoppiare palloncini o scovare zone nascoste durante una corsa. Questi obiettivi dovrebbero ricompensare il giocatore con un mucchio di oggetti cosmetici con cui personalizzare il proprio skater, ma l'intero editor era disattivato e non abbiamo potuto metterlo alla prova, anche se promette di rendere davvero unico il protagonista dell'avventura.

Avanzando nella demo ci si accorge in fretta che i livelli diventano via via più complicati, arricchendosi di tanti elementi che aumentano la varietà dei percorsi. Se all'inizio gli unici ostacoli sono rappresentati da rampe di scale e barriere da grindare, siamo giunti alla fine della build di prova dovendo affrontare ampi half-pipe e pericolosi wallride distesi su enormi crepacci. Non sappiamo se andando avanti i livelli di OlliOlli World manterranno questo grado di varietà, ma la speranza è sicuramente quella di rimanere costantemente sorpresi dall'evoluzione dei tracciati mentre si prosegue nel gioco.

OlliOlli_World_3
Condire la propria corsa con spettacolari trick dà molta soddisfazione, anche se non è assolutamente obbligatorio.

L'unica cosa che sembra mancare per il momento a World è una trama in grado di avvincere quei giocatori che non siano alla ricerca del trick perfetto ma che desiderno invece farsi trasportare dalle peculiarità e dai colori di Radlandia e da quelli dei suoi abitanti. I livelli non sembrano collegati da un fil rouge narrativo particolarmente suggestivo, anche se le cose potrebbero poi cambiare nella versione definitiva del gioco o più avanti nel corso della campagna.

OlliOlliWorld per il momento è cautamente promosso, principalmente grazie alla sua capacità di coinvolgerci nel suo flow solcando i marciapiedi di Radlandia accompagnati da una colonna sonora che si anticipa essere un vero gioiello.

L'evoluzione creativa è lodevole, lo stile grafico squisito e la possibilità di affrontare un livello facendo attenzione al punteggio e alle sfide oppure semplicemente ammirando il panorama rende quest'indie un platform davvero adatto a tutti. Tenetelo d'occhio!

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Gianluca Musso

Gianluca Musso

Redattore

Si è appassionato ai videogiochi grazie al capolavoro Monkey Island, oggi massacra NPC nei GDR Bethesda. Qualcosa dev'essere andato storto!

Contenuti correlati o recenti

Articolo | In memoria di Sir Clive Sinclair

Ricordiamo Clive Sinclair, il pioniere dell'home computing che ha cambiato il mondo.

Cuphead: Fast Rolling Dice Game è il gioco da tavolo che stavate aspettando!

The Op! produrrà il nuovo card game dedicato a Cuphead.

The Artful Escape è la dimostrazione che i videogiochi sono arte per Phil Spencer di Xbox

I videogiochi sono arte? Alla vista di The Artful Escape, Phil Spencer ha detto sì.

Black Book - recensione

Cosa fareste per amore?

Articoli correlati...

Eastward - recensione

Amanti dei jRPG a 16-bit e del cyberpunk? Accorrete!

TOEM - recensione

Tutto in uno scatto fotografico.

Articolo | I 20 migliori videogiochi indipendenti

Venti opere indie capaci di scardinare i preconcetti e competere con i grandi dell'industria.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza