LG OLED 48C1 - recensione

L'evoluzione dell'LG CX è finalmente arrivata.

Che LG sia diventata una delle aziende trainanti del settore informatico non vi è alcun dubbio, e recentemente ha inoltre compiuto una scelta ancora più coraggiosa, lasciando per un periodo indefinito il comparto mobile e smartphone per concentrarsi sulle nuove gamme di TV e monitor. Nonostante l'agguerrita concorrenza di Sony, Samsung e Panasonic sul fronte top di gamma l'azienda coreana è riuscita lo scorso anno a far spiccare, grazie alla sua qualità prezzo, il proprio LG Oled CX come uno dei migliori televisori da avere nel proprio salotto, sia per l'uso multimediale sia per quello gaming.

Sicuramente i possessori di una console di nuova generazione si sono domandati quali fossero i televisori da affiancare a Playstation 5 o Xbox Series X, in grado di sfruttare al massimo le nuove potenzialità che gli hardware di casa Sony e Microsoft hanno introdotto durante la fine dello scorso anno. C'è chi tra questi avrà deciso di attendere data la scarsità di giochi in grado di raggiungere determinati livelli tecnici, attendendo pazientemente che la next-gen potesse contare su una libreria all'altezza. A questa tipologia di pubblico LG ha dedicato la gamma di prodotti ideale, la serie C1.

La serie C1 è in tutto e per tutto l'evoluzione naturale della serie CX, pensata per migliorare alcune criticità, perfezionare i punti di forza ed introdurre nuovi brevetti che arricchiscono l'esperienza generale di fruizione. Abbiamo avuto la possibilità di mettere alla prova tutte queste novità sulla versione da 48 pollici del nuovo C1, e ricordiamo che in Italia è da poco disponibile in due colorazioni e cinque formati: 48', 55', 65', 77' e 83' pollici.

1
La nuova serie C1 di LG migliora molte delle caratteristiche che abbiamo apprezzato sul modello precedente CX.

Sul fronte estetico le differenze rispetto al modello precedente sono minime, quasi impercettibili, riproponendo il vetro nero altamente specchiante con un contorno nero di sei mm e una cornice di tre il tutto sorretto da una base argentata compatta eliminando definitivamente, e finalmente, i piedini laterali, mentre lo schermo si attesta su di uno spessore di quattro millimetri. Il montaggio è estremamente semplice, vi basterà avvitare otto viti alla scatola in plastica posteriore per poter fissare lo schermo alla base. Sempre sulla parte frontale troviamo la prima grande differenza con il CX, ovvero le quattro porte HDMI tutte di tipo 2.1, assieme ai classici e imprescindibili incavi ethernet, USB e uscita ottica.

Dal lato tecnico iniziamo la nostra recensione direttamente dal cuore pulsante dell'LG C1 ovvero il nuovo sistema operativo WebOS 6, migliorato su ogni fronte rispetto al precedente, rendendo immediata la navigazione dei menu, risposta immediata all'apertura delle app e una fluidità senza rivali. Questa nuova versione implementa una nuova home e dashboard più minimale ma intuitiva e soprattutto completa, dove con delle semplici scorciatoie potrete avere immediatamente accesso ai vostri contenuti preferiti. Arrivati a questa versione ci sentiamo inoltre di sbilanciarci ulteriormente definendo senza alcun dubbio il WebOS 6 come uno dei migliori sistemi presenti su Smart TV. Tutto ciò si sposa con l'upgrade che ha ricevuto il processore LG passato ad Alpha a9 Gen.4, il quale porta con sé tantissime nuove caratteristiche a beneficio di tutti i comparti, dall'audio al rendering dell'immagine.

Purtroppo, per vedere in azione il nuovo pannello OLED evo che garantisce una migliore luminosità dovrete necessariamente optare per la gamma di punta, la serie G, con un prezzo di partenza di 400/500€ in più rispetto alla linea C. Quello equipaggiato dall'LG C1 rimane sostanzialmente invariato rispetto al CX, ma introduce alcune migliorie tangibili fin dalla prima accensione. Per avere un'immagine sempre perfetta, questa TV, grazie al sensore di luce integrato, calibra la luminosità in base alla luce presente nella stanza, che sia ambientale o artificiale.

Per sopperire ad una luminosità generalmente più bassa, l'LG C1 dispone di pixel che emettono luce e colore in maniera completamente autonoma rendendo il contrasto dell'immagine infinito e garantire dei neri assoluti. Tutto questo va a vantaggio di tutti quei contenuti multimediali che supportano Dolby Vision, quali Netflix, Disney + e Xbox Series X ma saranno meno performanti su piattaforme come Amazon Prime Video e tutte le produzioni che necessitano di un HDR 10 +. Su questa TV infatti troveremo brevetti HDR10, HLG e il già citato Dolby Vision ma vi assicuriamo che la mancanza della certificazione massima non preclude alcun tipo di fruizione e la differenza, al momento, è davvero poco tangibile. Grazie all'upscaling che il nuovo processore è in grado di gestire vi ritroverete a godere di contenuti anche datati come se fossero stati girati nativamente in 4K, regalando all'LG C1 una delle migliori risoluzioni al momento presenti sul mercato nella propria fascia prezzo.

2
Lo spessore dell'Oled C1 si attesta su 4mm di spessore, offrendo un design davvero elegante e minimale.

LG attualmente detiene una partnership con Xbox e sinceramente l'utilizzo di questo TV con Xbox Series X è una delle migliori esperienze che potrete vivere per quest'anno. I possessori della console di ultima generazione Microsoft proveranno vera e propria estasi nel collegare il cavo HDMI 2.1 e dalla scheda calibrazione notare finalmente tutte le spunte verdi per un'associazione perfetta. Dobbiamo ricordare però, che nonostante vi sia il supporto ai 120 fps in 4K, i giochi che possono vantare tale risoluzione al momento si contano sulle dita di una mano ma garantiscono una performance senza uguali.

Durante i nostri test abbiamo messo alla prova Sea of Thieves, il quale ci ha offerto un'esperienza eccellente facendo brillare ancora di più il gran lavoro fatto da Rare in campo di ottimizzazione. Altro titolo che ci ha davvero sorpreso è stato Forza Horizon 4 che nonostante i suoi quattro anni sulle spalle è apparso vivace e fluido come non si era mai visto fin dal suo esordio. Lo stesso grado di soddisfazione lo si può vivere su Call of Duty Warzone che grazie all'input lag praticamente inesistente ci offre un'esperienza di gioco immediata e ancora più fluida.

La serie C1, inoltre, offre molteplici possibilità di calibrazione grazie al Game Optimizer, con cui attivare G-Sync e AMD Free-Sync, stabilizzazione del bianco e del nero e impostare i tempi di risposta a seconda del titolo che stiamo riproducendo. Nonostante la partnership con la casa di Redmond è giusto precisare che tali prestazioni sono perfette anche su Playstation 5, consigliandovi ad esempio Returnal come banco di prova, che con le sue scene più claustrofobiche ed ombrose diverranno estasianti per gli occhi in combinazione con i neri perfetti che questo LG C1 può mettere in campo.

Come detto in precedenza, l'AI LG non si limita ad agire solo sull'immagine, che in ogni momento può essere disattivata per fruire di un'esperienza più reale con la modalità Filmmaker, esattamente come il regista l'ha girata. L'upscaling di fatto va a interagire anche con l'audio grazie ad AI Sound che trasforma le tracce da stereo di un sistema standard a 2.2 canali per un totale di 40W a suoni in Dolby Atmos 5.1.2 virtuale, il che migliora nettamente la performance rispetto ai classici altoparlanti equipaggiati sulle TV.

Ovviamente, nonostante il percepibile miglioramento, il dialogo tende a perdersi un po', soprattutto nelle scene con effetti sonori di sottofondo o le classiche esplosioni e rumori forti. Per compensare questo aspetto, al momento nessuna TV ha implementato degli upgrade che solo una soundbar di un certo spessore è in grado di raggiungere. Ma l'LG C1 supporta ARC ed eARC tramite una delle quattro porte HDMI; quindi, qualora foste già in possesso di una soundbar o vorrete usufruire del cashback che LG offre acquistando una TV della serie C potrete vivere un'esperienza a 360 gradi che sfiora la perfezione.

Menzione d'obbligo va al telecomando che seppur non proprio elegante e raffinato implementa tantissime caratteristiche utili che difficilmente potreste trovare da parte degli altri competitor. Il Magic Remote Controller dispone di molte utili scorciatoie per avere a portata di mano i contenuti che preferiamo ed offre un preciso sistema di puntamento trasformando ii telecomando in un mouse. Il dispositivo dispone anche di un microfono integrato con il quale interagire con Alexa, Google Home e Apple Air Play il quale può essere associato immediatamente ai vostri assistenti digitali.

3
La base unica e compatta in argento risalta ancora di più le linee precise dello schermo da 48'' del nuovo LG C1.

Potremmo dilungarci ancora su tutte le novità che la serie C1 porta sul mercato, davvero molte e tutte integrate in modo efficace e sorprendete. Non abbiamo alcun dubbio che questa gamma, assieme alla serie G, risulteranno tra le migliori TV per tutto il 2021. Al momento è davvero difficile trovare un prodotto che possa essergli superiore in termini di qualità prezzo, intraprendendo lo stesso successo della gamma CX. Il maggior nemico infatti può essere quest'ultimo, spostando la lotta in casa piuttosto che verso i concorrenti di altre marche.

L'LG C1 è superiore al precedente modello ed eccelle in ogni suo uso, a parte ovviamente l'utilizzo monitor causa i tagli che partono da 48", ma difficilmente consiglieremo di far fronte ad una spesa di 1500€ a chi è già in possesso di un CX. Il mercato delle TV ha ormai raggiunto le regole degli smartphone, proponendo a distanza di sei mesi un modello sempre nuovo e aggiornato del precedente, rendendo impossibile rimanere al passo con cotante novità, a meno di avere un portafoglio davvero capiente.

Ma se siete in cerca di una nuova TV per la vostra casa e siete disposti a scendere a compromessi con una leggera inferiorità sulla luminosità rispetto alla gamma G compensata da un prezzo davvero competitivo, per questo 2021 difficilmente potrete trovare qualcosa di meglio dell'LG C1, davvero ottimo per fruizione di film, serie tv e contenuti multimediali e assolutamente perfetto associato ad una console di nuova generazione.

Contenuti correlati o recenti

Asus ROG Strix Scope RX - recensione

Una tastiera opto-meccanica premium pensata per gli FPS.

Turtle Beach Recon 500 - recensione

Le nuove sfidanti nella fascia media delle cuffie.

Surefire Harrier 360 - recensione

Dai dischi esterni alle cuffie il passo è brevissimo.

Acer Predator Triton 300 SE - recensione

Perché scegliere tra design e prestazioni quando si possono avere entrambi?

Monitor Acer Predator X34 - recensione

Un ultra-wide di alto livello per l'utenza gaming più danarosa.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza