Monitor Acer Predator X34 - recensione

Un ultra-wide di alto livello per l'utenza gaming più danarosa.

Con l'avvento delle nuove schede video della serie 3000 di Nvidia e la serie 6000 di AMD molti giocatori hanno sentito l'esigenza di fare un upgrade al proprio PC, e per i pochi fortunati che ci sono riusciti, nasce l'esigenza di avere un ecosistema hardware all'altezza. Questo discorso si può applicare anche agli utenti console che con la nuova generazione si stanno interrogando su quale schermo abbinare a Xbox Series X e Playstation 5.

I produttori come LG, Razer, Samsung e Acer, per citarne alcuni, stanno rispondendo a tale richiesta portando sul mercato nuove tipologie di monitor per far fronte alla costante esigenza degli utenti alla ricerca delle massime prestazioni. Tenere il passo con la tecnologia non è facile data la velocità con cui nuovi prodotti vengono rilasciati con una costante ed irreversibile tendenza sul rialzo dei prezzi. Come districarsi quindi in questo spinoso ambiente? Non vi è una risposta universale purtroppo ma scandagliando bene tra le varie proposte delle marche più popolari sicuramente vi sarà lo schermo che fa al caso nostro se si è disposti a scendere a compromessi in base al budget a disposizione.

Acer ha deciso comunque di puntare in alto con componenti hardware che strizzano l'occhio a quei giocatori che non sono disposti ad accettare un pannello che non raggiunga determinate specifiche. Per questo l'azienda di Taiwan è presente da anni nel settore con la linea Predator, che non si limita a produrre monitor di alta qualità, ma coinvolge tutte le sezioni gaming a 360 gradi a partire dagli accessori fino ai desktop PC. Noi abbiamo potuto mettere alla prova il monitor Acer Predator X34, uno schermo davvero peculiare ideato per gli amanti dei pannelli curvi.

1
L'Acer Predator X34 si presenta come un monitor davvero imponente nelle sue dimensioni.

Questo ultra-wide da 34 pollici si attesta su un prezzo di 999€, un cartellino veramente molto elevato, ma che, alla situazione dei prezzi attuale, si rivela essere in linea con quelli della concorrenza. Per piazzare un monitor in questa fascia di mercato sotto i 1000€ è chiaro però che dovrete necessariamente valutare i punti di forza e le carenze che tutto ciò comporta, inquadrando la fetta di utenza che questo prodotto vuole raggiungere.

Il design del Predator X34 è decisamente aggressivo nelle parti in alluminio che fanno da base presentando delle linee davvero taglienti e che si fanno decisamente notare una volta posizionato lo schermo sulla propria scrivania. Il pannello invece risulta assolutamente pulito e minimale, riducendo al minimo la cornice che contorna lo schermo ma che lascia comunque abbastanza visibile la banda nera che lo contorna. Nonostante le imponenti dimensioni e una curvatura che si attesta sui 1900R, la mobilità è notevole, potendo impostare delle inclinazioni e altezze che soddisfano sicuramente ogni esigenza dei giocatori.

Tutto ciò però ha un peso, letteralmente. L'Acer Predator X34 si attesta su cinque chili senza supporto e 8,60 Kg con base agganciata, quest'ultima caratterizzata da "piedini" di una lunghezza di 30 centimetri. Sulla scocca posteriore troviamo i due altoparlanti da 7 watt che regalano una resa sonora piuttosto pulita ma ovviamente carente per quanto concerne la potenza dei bassi. Per avere un'esperienza ottimale è ovviamente consigliato collegare il monitor a casse con prestazioni migliori o ad un impianto audio che più ci aggrada.

2
Il supporto presenta delle linee decisamente aggressive con dei piedini a supporto di una lunghezza di ben trenta centimetri.

Sempre sul retro troviamo tutte le uscite essenziali: due porti HDMI 2.0, due DisplayPort 1.4, una porta USB Type-C, una porta uplink Type-E e due USB Type-A, oltre al jack da 3.5mm. Seppur da lodare l'implementazione della Type-C assolutamente non scontata, il primo dispiacere nasce nel notare l'assenza completa di HDMI 2.1. Ovviamente tale mancanza pregiudica il poter sfruttare appieno le console next-gen a frame rate particolarmente elevati, relegando questo monitor ad un uso al massimo a sessanta frame al secondo in sincronia con i 60Hz di refresh.

Una volta acceso l'Acer Predator X34 abbiamo potuto testare le prestazioni che il produttore dichiara di raggiungere. La luminosità, che si attesta su 550 nit, è decisamente buona e non perde la sua alta qualità anche attivando il filtro blu per la lettura. Purtroppo, non possiamo dire lo stesso per quanto concerne l'HDR che si limita alla certificazione HDR400, non certo il migliore che si possa trovare sul mercato. C'è da dire però che difficilmente per il prezzo su cui si attesta questo Predator, ed anche su fasce leggermente più alte, è possibile trovare un'illuminazione migliore, rendendo al momento i monitor un passo indietro rispetto alle TV.

La gamma di colori, testata con il nostro dispositivo di cattura, è invece ottima (DCI-P3 del 98%) con un rapporto di contrasto di 1,000:1 per una risoluzione (UW-QHD)3440 x 1440@144 Hz. Con queste impostazioni il tempo di risposta è di 1 millisecondo che si dimezza quando decidiamo di spingere al massimo la frequenza di aggiornamento che può raggiungere i 180Hz. Messo alla prova, il Predator X34 si comporta egregiamente in ogni suo utilizzo, massimizzando le prestazioni una volta che si avvia un gioco dalle alte prestazioni e che richiedono una precisione e pulizia d'immagine all'altezza.

Non possiamo dire lo stesso, come detto in precedenza, se collegato ad una Xbox Series X, dato che quest'ultima non supporta la risoluzione 21:9. In questo caso si ha una visione distorta dell'immagine nella home dove il monitor cerca di adattare la risoluzione sgranando la visuale notevolmente. In gioco invece, una volta riprodotti titoli che non supportano tale risoluzione ci siamo imbattuti inevitabilmente nelle bande nere laterali comprimendo l'immagine a 16:9.

3
Questo monitor non è certamente uno dei più sottili che troverete sul mercato, contornato inoltre da una cornice nera di un certo spessore.

Per quanto concerne invece la riproduzione di contenuti multimediali la fedeltà di colori che si riscontra è ottima, ed anche i livelli di neri risultano assolutamente in linea con le prestazioni della concorrenza. Ovviamente un monitor di questa portata può essere utilizzato anche in ambito professionale grazie alla sua superficie che rende possibile lavorare su più schede e programmi costantemente a schermo. Ovviamente per chi fa desktop publishing e grafica, gli schermi curvi non sono l'ideale, ma questa è una tematica ampiamente esplorata in passato.

Valutando questo Predator X34 dobbiamo essere estremamente onesti: al momento il monitor perfetto non esiste. Avventurarsi nell'ardua sfida di trovare uno schermo che sia equipaggiato di tutti i nuovi brevetti e che abbia porte HDMI di ultima generazione è praticamente impossibile. Anche nel caso in cui le vostre possibilità economiche siano molto alte, i prodotti presenti sul mercato non possono soddisfare il bisogno o la voglia di avere un hardware completo. Una delle cause principali, come nel caso in questione dell'Acer Predator X34, risiede nei brevetti HDR, che a differenza di TV a pari prezzo, non riescono a superare la certificazione HDR 400, il minimo sindacale per essere classificato come tale.

4
Le prestazioni di questo Predator sono davvero ottime e richiamano sicuramente l'attenzione dei giocatori alla ricerca di alte frequenze di aggiornamento.

Questo monitor rappresenta però una valida alternativa per quei consumatori che vogliono associarlo ad un PC di medie/alte prestazioni con cui poter godere di una risoluzione 4K ed un refresh massimo di 180Hz. Non possiamo dire lo stesso per quanto riguarda le console di nuova generazione, con cui dovrete necessariamente fare a meno di tutti i vantaggi dell'HDMI 2.1.

L'Acer Predator X34 risulta un ottimo compromesso per godere di un'ottima resa grafica su PC, soprattutto per i giochi competitivi con cui è possibile sfruttare G-Sync e tempi di risposta praticamente nulli. Infine, per chi ama i pannelli curvi a 21:9, come rapporto qualità/prezzo risulta un prodotto dal costo piuttosto accattivante rispetto alla concorrenza, per quanto si tratti di una fascia di prezzo ad appannaggio di pochi fortunati, sicuramente appartenenti alla fascia dei giocatori PC.

Se il vostro budget non vi permette un esborso di questo tipo, la linea Predator è pronta a debuttare con una nuova linea di monitor con cui sicuramente porterà consistenti novità in termini di prestazioni e soprattutto fasce di prezzo, preservando la posizione di Acer come valida alternativa ai top di gamma di altri produttori.

Contenuti correlati o recenti

Asus ROG Strix Scope RX - recensione

Una tastiera opto-meccanica premium pensata per gli FPS.

Turtle Beach Recon 500 - recensione

Le nuove sfidanti nella fascia media delle cuffie.

Surefire Harrier 360 - recensione

Dai dischi esterni alle cuffie il passo è brevissimo.

Acer Predator Triton 300 SE - recensione

Perché scegliere tra design e prestazioni quando si possono avere entrambi?

LG OLED 48C1 - recensione

L'evoluzione dell'LG CX è finalmente arrivata.

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza