Elgato FaceCam - recensione

La 'next big thing' delle webcam per PC.

Il brand di Elgato, nato nel 2010 in Germania dalla mente di Markus Fest e successivamente acquisito dal colosso Corsair otto anni più tardi, ha assunto una popolarità planetaria grazie alla produzione di una serie di schede di acquisizione che sono divenute ben presto sinonimo di qualità nel campo della creazione di contenuti (pre-registrati o in streaming live).

Visto il grande successo della linea Game Capture, Elgato ha deciso di creare, nel corso del tempo, un vasto catalogo di accessori pensati appositamente per migliorare la professione degli streamer e dei creativi digitali, lanciando sul mercato una serie di prodotti adatti per tutte le esigenze e tutte le tasche. L'ultimo ritrovato dell'azienda tedesca ci è stato presentato qualche settimana fa in un evento dedicato alla stampa condotto direttamente da Julian Fest, l'attuale General Manager di Elgato, che ha alzato il sipario su una periferica che va ad arricchire ulteriormente l'offerta della compagnia: la Elgato FaceCam.

1
La confezione di FaceCam ricalca quella della quasi totalità degli altri prodotti a marchio Elgato.

Elgato FaceCam viene commercializzata come una 'Webcam Full-HD Premium' per PC e MAC compatibile con le maggiori applicazioni del momento (Teams, Zoom, OBS, Skype, Google Meet ecc...) e impreziosita da una serie di specifiche piuttosto allettanti per l'utilizzo quotidiano ma anche per quello più spiccatamente lavorativo. Dopo averla testata a fondo negli scorsi giorni, possiamo affermare che la dicitura 'Premium' che campeggia sulla parte frontale della scatola corrisponde pienamente alla realtà per via di una dotazione tecnica all'avanguardia ma anche, inevitabilmente, per un prezzo superiore alla media.

L'obiettivo di FaceCam infatti è quello di occupare la porzione di mercato che intercorre tra l'economica soluzione EpocCam, un applicativo per smartphone dal costo inferiore ai 10$ che consente di mettere in comunicazione la fotocamera del telefono e il computer, e le ben più costose periferiche PCIe CamLink Pro che permettono di utilizzare le fotocamere DSLR per trasmettere il segnale fino ad una risoluzione 4K. La confezione di FaceCam è del solito colore blu che caratterizza tutti i prodotti più recenti targati Elgato e presenta, sulla parte inferiore, i tre concetti fondamentali su cui è stato costruito il prodotto: Full-HD, Bassa Latenza ed Elgato Prime Lens.

Full-HD perché FaceCam può registrare e trasmettere il feed video fino a 1080p a 60fps per ottenere uno streaming delle immagini nitido ma soprattutto stabile e fluido. Bassa Latenza perché, a differenza della quasi totalità della concorrenza, la nuova webcam di Elgato utilizza un collegamento tramite USB-C 3.0 ad alta velocità per catturare le immagini raw in formato UYVY senza necessità di adottare qualsiasi tipo di compressione. Infine c'è la didascalia 'Elgato Prime Lens', probabilmente la più interessante del trittico poiché quella che definisce la struttura hardware del prodotto.

L'Elgato Event di qualche giorno fa in cui l'azienda tedesca ha presentato al grande pubblico un batch di nuovi prodotti tra cui proprio la Facecam.

Le dimensioni dello chassis in plastica di FaceCam, infatti, sono piuttosto generose rispetto allo standard (7,9cm x 4,8cm x 5,9cm) perché al suo interno trova posto un sistema composto da otto lenti fixed-focus in vetro con apertura f/2.4 e 24 mm di lunghezza focale, il tutto montato su un sensore Sony STARVIS CMOS che garantisce la migliore qualità visiva possibile in ambienti interni col minimo rumore dell'immagine. Una nota di merito va alla decisione di Elgato di includere all'interno della confezione un tappo in plastica che può essere applicato senza troppi sforzi sull'obiettivo della webcam per assicurare il massimo della privacy quando vogliamo essere sicuri di non essere registrati. Va detto che c'è anche una spia led sulla parte frontale che indica chiaramente l'operatività della periferica ma è comunque un'attenzione in più da lodare.

Come se non bastasse, è presente anche un processore ultra veloce che elabora automaticamente diversi parametri dell'immagine (come la compensazione dei livelli di nero, il bilanciamento dei toni del bianco, la color correction e tanto altro) mentre l'intero sistema viene mantenuto su temperature piuttosto basse grazie alla presenza di un dissipatore dedicato.

Se invece voleste regolare manualmente questi dettagli, l'azienda tedesca fornisce gratuitamente un software dedicato alla sua FaceCam denominato Camera Hub, un'applicazione comoda e intuitiva che permette di operare sull'angolo di visuale (fino a 82°), il contrasto, la saturazione e la nitidezza delle immagini, l'esposizione e l'elaborazione, compreso un comodo slider dedicato alla riduzione del rumore. La nuova webcam di Elgato, inoltre, è equipaggiata con una memoria flash interna utile per salvare i settaggi che più ci aggradano e poterli trasportare su qualunque PC senza essere costretti a sistemarli nuovamente ogni volta. Davvero un'ottima idea.

2
Le dimensioni generose della webcam nascondono una potenza con pochi pari nel mercato odierno.

Per di più, FaceCam è compatibile con lo StreamDeck di Elgato che può essere programmato per attribuire a ciascun tasto un effetto differente come, ad esempio, un rapido zoom, il cambiamento dell'esposizione o qualunque altra cosa vi venga in mente. Si tratta, dunque, di un prodotto senza compromessi? Quasi. Come avrete notato dalla descrizione, Elgato FaceCam non è dotata di un microfono per precisa scelta della casa di produzione che ha sottolineato come quasi nessun utente utilizzi i microfoni integrati nelle webcam durante le videoconferenze e ancora meno per la creazione di contenuti video.

Date le caratteristiche intrinseche del prodotto, infine, se non disponete di una presa USB 3.0 ad alta velocità nel vostro PC, semplicemente non potrete utilizzare FaceCam: la registrazione dei video non compressi e con quel tipo di qualità richiede una larghezza di banda impossibile da raggiungere per le porte di vecchia generazione.

Elgato FaceCam, in definitiva, è una scelta da consigliare a un pubblico molto esigente che stia cercando una webcam performante e molto personalizzabile. Il prezzo consigliato di circa 199€ è indubbiamente un deterrente per molti ma possiamo assicurarvi che FaceCam saprà ripagare ampiamente l'investimento, soprattutto i content creator o gli acquirenti a caccia di una periferica capace di trasmettere immagini in alta qualità sulle principali piattaforme per videoconferenze.

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Riccardo Cantù

Riccardo Cantù

Redattore

Nato nel 1993, Riccardo ha coltivato, negli anni, una passione smodata per tutto ciò che è entertainment. Videogiochi, cinema, fumetti, musica e letteratura sono il suo pane quotidiano e ama le lunghe discussioni riguardanti queste tematiche.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza