Activision Blizzard nell'occhio del ciclone. La California la cita in giudizio per discriminazioni e molestie sessuali

Un'indagine durata due anni che rivela casi disgustosi e orripilanti.

A seguito di un'indagine durata due anni da parte del California Department of Fair Employment and Housing, lo stato ha intentato una causa contro Activision Blizzard per aver promosso una cultura del lavoro "tossica" in cui le dipendenti donne sarebbero state soggette a disparità di retribuzione e molestie sessuali.

Come riportato da Bloomberg, Activision Blizzard è accusata dallo stato della California di discriminare le dipendenti di sesso femminile a quasi tutti i livelli di lavoro, inclusi compensi, promozioni, incarichi e licenziamento. Lo stato sostiene che la leadership di Activision Blizzard non è riuscita ad affrontare nessuno di questi problemi in sospeso o a impedire che si verificassero sul posto di lavoro.

La causa, depositata martedì presso la Corte Superiore di Los Angeles, afferma che Activision Blizzard - composta da circa il 20% di donne - assegna le donne e le donne di colore a "livelli di opportunità e salari più bassi" con una retribuzione iniziale più bassa per lavori simili a quelli svolti dalle loro controparti maschili.

I documenti accusano anche Activision Blizzard di promuovere una pervasiva cultura del posto di lavoro da "frat boy" in ufficio. Si dice che i dipendenti maschi bevano "abbondanti quantità di alcol" e "spesso si impegnano in comportamenti inappropriati nei confronti delle dipendenti femminili."

Si dice che i dipendenti maschi vengano a lavorare con i postumi di una sbornia, che giocano ai videogiochi durante il lavoro "delegando le loro responsabilità alle dipendenti di sesso femminile, si impegnano in battute sui loro incontri sessuali, parlano apertamente dei corpi femminili e scherzano sullo stupro".

La causa cita anche un particolare incidente in cui una dipendente, che era già stata oggetto di intense molestie sessuali presso l'azienda, si è suicidata durante un viaggio di lavoro con un supervisore maschio che avrebbe portato con sé oggetti sessuali inappropriati durante il viaggio.

La causa chiede un'ingiunzione che costringerà Activision Blizzard a rispettare la sicurezza sul posto di lavoro, oltre a fornire stipendi non pagati, adeguamenti salariali, retribuzione arretrata e salari e benefici persi per le dipendenti donne.

Activision_Blizzard_denunciata

Un portavoce di Activision Blizzard ha inviato la seguente dichiarazione in risposta alle accuse:

"Apprezziamo la diversità e ci sforziamo di promuovere un luogo di lavoro che offra inclusività per tutti. Non c'è posto nella nostra azienda o settore, o in qualsiasi settore, per una cattiva condotta sessuale o molestie di alcun tipo. Prendiamo sul serio ogni accusa e indaghiamo su tutte le affermazioni. Nei casi relativi a cattiva condotta, è stata intrapresa un'azione per risolvere il problema".

"Il DFEH include descrizioni distorte, e in molti casi false, del passato di Blizzard. Siamo stati estremamente collaborativi con il DFEH durante tutta la loro indagine, fornendo loro dati e ampia documentazione, ma si sono rifiutati di informarci sui problemi che hanno percepito. Erano tenuti per legge a indagare adeguatamente e ad avere discussioni in buona fede con noi per comprendere meglio e risolvere eventuali reclami o dubbi prima di avviare un contenzioso, ma non lo hanno fatto. Invece, si sono affrettati a sporgere denuncia inesatta, come dimostreremo in tribunale. Siamo disgustati dal comportamento riprovevole del DFEH di trascinare nella denuncia il tragico suicidio di una dipendente la cui scomparsa non ha alcuna incidenza su questo caso e senza alcun riguardo per la sua famiglia in lutto. Anche se riteniamo che questo comportamento sia vergognoso e poco professionale, purtroppo è un esempio di come si sono comportati nel corso della loro indagine. È questo tipo di comportamento irresponsabile da parte di burocrati statali irresponsabili che sta spingendo molte delle migliori aziende dello Stato fuori dalla California".

"L'immagine che il DFEH dipinge non è la Blizzard di oggi. Negli ultimi anni e dall'inizio dell'indagine, abbiamo apportato cambiamenti significativi per affrontare la cultura aziendale e riflettere una maggiore diversità all'interno dei nostri team di leadership. Abbiamo aggiornato il nostro Codice di condotta per enfatizzare un rigoroso focus sulla non ritorsione, abbiamo ampliato i programmi interni e i canali per i dipendenti per segnalare violazioni, incluso l'"ASK List" con una hotline per l'integrità riservata, e abbiamo introdotto un team di relazioni con i dipendenti. Abbiamo rafforzato il nostro impegno per la diversità, l'equità e l'inclusione e abbiamo unito le nostre reti di dipendenti a livello globale per fornire ulteriore supporto. I dipendenti devono anche seguire una formazione regolare contro le molestie e lo hanno fatto per molti anni".

"Ci impegniamo enormemente per creare pacchetti e politiche retributivi equi e gratificanti che riflettano la nostra cultura e la nostra attività e ci sforziamo di pagare equamente tutti i dipendenti per un lavoro uguale o sostanzialmente simile. Adottiamo una serie di misure proattive per garantire che la retribuzione sia guidata da fattori non discriminatori. Ad esempio, premiamo e compensiamo i dipendenti in base alle loro prestazioni e conduciamo ampi corsi di formazione contro la discriminazione".

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (1)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

PS5, Xbox Series X/S e GPU introvabili? Dal 2023 potrebbe esserci addirittura un eccesso

L'offerta di chip potrebbe superare di gran lunga la domanda.

Disney Classic Games Collection includerà anche la versione SNES di Aladdin

Disney Classic Games Collection è una raccolta dei titoli più iconici ispirati ai vari cartoni animati.

Street Fighter, Streets of Rage e non solo: è morto Mick McGinty, grande artista dietro a splendide copertine

Mick McGinty ha lavorato su alcune delle cover più famose degli anni '90.

NVIDIA e AMD: le GPU registrano un aumento di prezzo del 70%

La disponibilità delle GPU NVIDIA e AMD peggiora anche nel quarto trimestre.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza