Activision Blizzard nella bufera tra discriminazioni e molestie sessuali: parla il CEO Bobby Kotick

Una lettera aperta di scuse e promesse.

Il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, ha pubblicato una dichiarazione indirizzata a tutti i dipendenti in merito alla causa per molestie contro la sua azienda.

La dichiarazione completa è la seguente:

"Questa è stata una settimana difficile e sconvolgente".

"Voglio riconoscere e ringraziare tutti coloro che si sono fatti avanti in passato e negli ultimi giorni. Apprezzo molto il coraggio. Ogni voce è importante e faremo un lavoro migliore di ascolto ora e in futuro".

"Le nostre risposte iniziali ai problemi che affrontiamo insieme e alle vostre preoccupazioni sono state, francamente, stonate".

"È imperativo riconoscere tutte le prospettive e le esperienze e rispettare i sentimenti di coloro che sono stati maltrattati in qualsiasi modo. Mi dispiace che non abbiamo fornito la giusta empatia e comprensione".

"Molti di voi ci hanno detto che l'impegno attivo deriva dalla cura profonda dell'azienda. Il fatto che così tante persone abbiano raggiunto e condiviso pensieri, suggerimenti e evidenziato opportunità di miglioramento è un potente riflesso di quanto tenete alle nostre comunità di colleghi e giocatori, e l'uno all'altro. Garantire un ambiente di lavoro sicuro e accogliente è la mia massima priorità. Il gruppo dirigente vi ha sentito forte e chiaro".

"Stiamo agendo rapidamente per essere l'azienda compassionevole e premurosa nella quale siete venuti a lavorare e per garantire un ambiente sicuro. Non c'è posto da nessuna parte nella nostra azienda per discriminazioni, molestie o disparità di trattamento di alcun tipo".

"Faremo tutto il possibile per costruire il tipo di ambiente di lavoro inclusivo essenziale per promuovere la creatività e l'ispirazione".

95a67ab4e41539b9f161a240aa64016d

"Ho chiesto allo studio legale WilmerHale di condurre una revisione delle nostre politiche e procedure per garantire le migliori pratiche per promuovere un ambiente di lavoro rispettoso e inclusivo. Questo lavoro inizierà immediatamente. Il team di WilmerHale sarà guidato da Stephanie Avakian, che è un membro del team di gestione di WilmerHale".

"Incoraggiamo chiunque abbia subito un'esperienza che violi le nostre politiche sul posto di lavoro a utilizzare uno dei nostri numerosi canali esistenti per la segnalazione o a contattare Stephanie".

"Ci impegniamo per un cambiamento duraturo. Con effetto immediato".

Ecco le azioni che intraprenderà la compagnia:

  • Supporto ai dipendenti. "Continueremo a indagare su ogni singolo reclamo e non esiteremo a intraprendere azioni decisive. Per rafforzare le nostre capacità in quest'area, stiamo aggiungendo ulteriore personale senior e altre risorse sia al Compliance team che all'Employee Relations team".
  • Sessioni di ascolto. "Sappiamo che molti di voi hanno idee ispirate su come migliorare la nostra cultura. Creeremo spazi sicuri, moderati da terze parti, per farvi parlare e condividere aree di miglioramento".
  • Modifiche del personale. "Stiamo valutando immediatamente manager e leader in tutta l'azienda. Chiunque venga scoperto ad aver ostacolato l'integrità dei nostri processi per la valutazione dei reclami e l'imposizione di conseguenze appropriate verrà licenziato".
  • Pratiche di assunzione. "All'inizio di quest'anno ho inviato un'e-mail chiedendo a tutti i responsabili delle assunzioni di assicurarsi di avere liste di candidati diverse per tutte le posizioni aperte. Aggiungeremo risorse per garantire che i nostri responsabili delle assunzioni aderiscano effettivamente a questa direttiva".
  • Modifiche in-game. "Abbiamo ascoltato l'input dalle community di dipendenti e giocatori che alcuni dei nostri contenuti di gioco sono inappropriati. Stiamo rimuovendo questo contenuto".

"Il vostro benessere rimane la mia priorità e non risparmierò alcuna risorsa aziendale per assicurare che la nostra compagnia abbia la cultura più accogliente, confortevole e sicura possibile".

"Avete il mio fermo impegno a migliorare insieme la nostra azienda e a diventare la compagnia di intrattenimento più stimolante e inclusiva al mondo".

"Cordiali saluti,"

"Bobby".

Tutto ciò avviene in mezzo a una rapida serie di eventi nell'ultima settimana, quando è trapelata la notizia che lo stato della California stava facendo causa ad Activision Blizzard per aver consentito molestie nei suoi ranghi, prendendo di mira in gran parte il personale femminile.

"Le dipendenti di sesso femminile sono soggette a costanti molestie sessuali", si legge nella causa, "compreso il dover continuamente respingere commenti e avance sessuali indesiderati da parte dei loro colleghi e supervisori maschi. Dirigenti e creatori di alto rango si sono impegnati in palesi molestie sessuali senza ripercussioni".

2159733

Il messaggio di Kotick è in netto contrasto con la reazione pubblica che Activision Blizzard ha mostrato nei primi giorni di questa controversia, durante la quale un portavoce ha definito la causa come "comportamento irresponsabile da parte di burocrati statali". In privato, Frances F. Townsend, chief compliance officer di Activision Blizzard, ha emesso una nota interna definendo la causa "infondata".

Nel frattempo, i dipendenti di Activision Blizzard hanno protestato contro quella che considerano una risposta inadeguata e persino offensiva dei loro datori di lavoro alle gravi accuse della causa. Migliaia dipendenti di Activision Blizzard hanno firmato una lettera in cui condannano la risposta della loro azienda , mentre alcuni hanno in programma di prendere parte a uno sciopero oggi, 28 luglio.

Fonte: Kotaku.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza