Activision Blizzard molestie e discriminazioni: i dipendenti criticano il CEO Bobby Kotick. 'Non affronta punti cruciali'

'Non torneremo in silenzio'.

Gli organizzatori dello sciopero del personale di Activision Blizzard hanno portato avanti la protesta, affermando che la dichiarazione pubblicata dal boss dell'azienda Bobby Kotick "non riesce ad affrontare gli elementi critici al centro delle preoccupazioni dei dipendenti".

I dipendenti di Activision Blizzard hanno annunciato lo sciopero due giorni fa, in segno di protesta contro la risposta dell'azienda a una recente causa del California Department of Fair Employment and Housing che accusava una cultura del lavoro "frat boy" che ha creato "un terreno fertile per molestie e discriminazione contro le donne".

Activision Blizzard è subito passata all'offensiva quando la notizia della causa ha inizialmente fatto notizia, definendola un "comportamento irresponsabile da parte di burocrati statali che stanno spingendo molte delle migliori aziende dello Stato fuori dalla California". Il dirigente senior della società Fran Townsend ha poi raddoppiato l'attacco in un'e-mail a tutti i dipendenti, descrivendo l'azione legale come "veramente priva di merito e irresponsabile".

La critica è stata rapida. Più di 2.000 dipendenti attuali ed ex Activision Blizzard hanno firmato una petizione che descrive la risposta dell'azienda come "aberrante e offensiva" e hanno chiesto "dichiarazioni ufficiali che riconoscano la gravità di queste accuse e dimostrino compassione per le vittime di molestie e aggressioni".

Come parte della risposta dei dipendenti alla gestione della causa da parte di Activision Blizzard, un gruppo di dipendenti ha anche confermato uno sciopero per il 28 luglio, elencando quattro richieste e invitando "il team dirigenziale esecutivo a lavorare con noi.. . al fine di migliorare le condizioni dei dipendenti dell'azienda, in particolare le donne, le donne di colore e le donne transgender, le persone non binarie e altri gruppi emarginati."

Dopo la notizia dello sciopero di ieri, il boss di Activision Blizzard, Bobby Kotick, ha pubblicato una dichiarazione che descrive la risposta iniziale dell'azienda alla causa come "sorda". Tuttavia, gli organizzatori dello sciopero non credono che la dichiarazione di Kotick abbia fatto molto.

"Mentre siamo lieti di vedere che le nostre voci collettive - inclusa una lettera aperta con migliaia di firme degli attuali dipendenti - hanno convinto la leadership a cambiare il tono delle loro comunicazioni", hanno scritto gli organizzatori in una nuova dichiarazione condivisa dalla giornalista di Axios Megan Farokhmanesh, "la risposta non riesce ad affrontare gli elementi critici al centro delle preoccupazioni dei dipendenti".

"Lo sciopero di oggi dimostrerà che questo non è un evento occasionale che i nostri leader possono ignorare", continua la dichiarazione del gruppo. "Non torneremo al silenzio, non saremo placati dagli stessi processi che ci hanno portato a questo punto".

"Questo è l'inizio di un movimento duraturo a favore di migliori condizioni di lavoro per tutti i dipendenti".

"Ci aspettiamo una risposta tempestiva e un impegno all'azione da parte della leadership e non vediamo l'ora di mantenere un dialogo costruttivo su come costruire una Activision Blizzard migliore per tutti".

"Oggi ci battiamo per il cambiamento. Domani e oltre, saremo noi il cambiamento".

Fonte: Eurogamer.net.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

PS5 ha un nuovo SSD targato Sony e Nextorage ma il prezzo decisamente importante

Una sussidiaria di Sony sta lavorando ad una serie di SSD per PS5.

Bitcoin fabbrica di 'spazzatura'! Ogni transazione equivale a 'buttare due iPhone 12 Mini nel cestino'

Uno studio svela quanti rifiuti tecnologici si generano con i Bitcoin.

Xbox Series X disponibile all'acquisto da Mediaworld, ecco data e ora

Siete alla ricerca di una Xbox Series X? Questa notizia fa al caso vostro.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

Xbox starebbe preparando un'altra grande acquisizione come quella di Bethesda

Alcune indiscrezioni suggeriscono una grande acquisizione in casa Xbox.

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza