Activision Blizzard: 'a un colloquio mi chiesero se mi piacesse essere penetrata e quando era stata l'ultima volta'

La terribile testimonianza di una esperta di cybersecurity.

Activision Blizzard è ancora nella bufera, in seguito alla causa legale intentata dal DFEH (Department of Fair Employment and Housing) dello Stato della California.

La famosa compagnia, come probabilmente saprete, è stata accusata di molestie sessuali, abusi e discriminazioni. In seguito alla risposta dell'azienda, numerosi dipendenti si sono uniti in uno sciopero la scorsa settimana. Tuttavia, sembra proprio che la polemica sia ben lontana dalla fine.

Di recente, è arrivata una terribile testimonianza dell'esperta di cybersecurity Emily Mitchell, che ha raccontato la sua esperienza durante un colloquio con Activision Blizzard nel 2015.

Nel mese di agosto del 2015, si è tenuta una conferenza dedicata al tema della cybersecurity e, in questa occasione, erano state adibite delle cabine dove poter fare colloqui con persone che poi i diversi team avrebbero aggiunto ai propri team di sicurezza. Emily Mitchell aveva deciso di candidarsi per la posizione di "penetration testing", un ruolo che prevede la verifica della vulnerabilità nei sistemi di sicurezza di un'azienda.

L'esperta di cybersecurity si è presentata allo stand di Activision Blizzard e proprio qui che iniziò una vera e propria umiliazione.

Al colloquio erano presenti 3 uomini che le chiesero se conoscesse il significato di "Pentesting" e se si fosse persa. Emily fu derisa anche per la sua t-shirt con la scritta "Penetration Expert" (si trattava di un convegno legato alla cybersicurezza e le magliette erano state fornite. Nessuna provocazione da parte della Mitchell), che ha spinto i 3 uomini a fare diverse squallide battute.

Come riporta VICE, "uno di loro mi ha chiesto quando è stata l'ultima volta che sono stata penetrata, se mi piaceva essere penetrata e quante volte sono stata penetrata".

Senza dubbio, si tratta di una testimonianza decisamente scioccante e che molto probabilmente infuocherà ancora di più la polemica contro Activision Blizzard. Vi riporteremo tutti gli aggiornamenti sulla vicenda appena sarà possibile.

Fonte: Twitter.

Vai ai commenti (107)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Nintendo Direct commentato in diretta dalle 23:45!

Seguite con noi le tante novità che verranno mostrate al Nintendo Direct.

Nintendo Switch OLED nel primo (folle) video unboxing

Uno sguardo in anteprima a Switch OLED.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (107)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza