'Xbox Game Pass non ha senso per i videogiochi di spicco'

Lo afferma il CEO di Take-Two, Strauss Zelnick.

Il CEO di Take-Two, Strauss Zelnick, ha risposto alla situazione finanziaria che circonda i servizi in abbonamento come Game Pass.

Le sue opinioni sono invariate rispetto al passato: i servizi in abbonamento danno un senso ai giochi del catalogo ma non a quelli nuovi. Questo è un punto che sottolinea già da anni.

"Le nostre opinioni rimangono invariate. Pensiamo che un modello di abbonamento possa avere senso per i titoli del catalogo. Ma non ha davvero senso per i titoli 'di spicco'. Affinché qualsiasi modello di business abbia senso nel settore dell'intrattenimento, deve funzionare per i creatori dell'intrattenimento così come per i consumatori dell'intrattenimento. Penso che il catalogo possa avere senso per i publisher, può avere senso per i consumatori più "avidi", che vogliono davvero accedere a un sacco di prodotti".

Zelnick ha osservato che i "modelli di consumo" per un servizio di streaming come Netflix, che offre intrattenimento lineare (almeno per ora), sono diversi dall'intrattenimento interattivo.

"I consumatori coinvolti nell'intrattenimento interattivo hanno modelli di consumo diversi rispetto a quelli coinvolti nell'intrattenimento lineare. I consumatori di intrattenimento lineare consumano qualcosa come 150 ore di programmazione al mese. Nel caso dell'intrattenimento interattivo, i consumatori stanno consumando qualcosa come 45 ore al mese, e possono essere uno, due, tre, quattro titoli. Ma non sono certamente 100 titoli. Quindi, dal punto di vista del consumatore, non è chiaro se un modello di abbonamento abbia davvero senso".

xbox_game_pass_pc_benvenuto_due_nuovi_giochi_v5_417881

Nel complesso, tuttavia, Zelnick ha detto di non essere sposato con nessuna idea.

"Resta da vedere. Siamo di mentalità aperta. Abbiamo reso disponibili titoli del catalogo per i servizi di abbonamento. Molto occasionalmente abbiamo reso disponibili anche titoli di spicco. Ma lo consideriamo più un'offerta di catalogo che un'offerta per giochi di 'prima linea'".

Un esempio di alto profilo di un titolo sviluppato da Rockstar Games entrato in un servizio di abbonamento è Grand Theft Auto V. Il gioco è stato aggiunto e quindi rimosso originariamente da Xbox Game Pass.

Fonte: Gamespot.

Vai ai commenti (38)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Nintendo Direct commentato in diretta dalle 23:45!

Seguite con noi le tante novità che verranno mostrate al Nintendo Direct.

Nintendo Switch OLED nel primo (folle) video unboxing

Uno sguardo in anteprima a Switch OLED.

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (38)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza