Clid The Snail - prova

Chi ha detto che le lumache sono innocue?

Forse non avete mai sentito parlare di questo gioco e nemmeno del team che lo sta ultimando, Weird Beluga Studio. In effetti è il loro primo lavoro, ma i ragazzi spagnoli hanno già raccolto parecchi consensi in giro e si sono anche aggiudicati i premi "Game of the Year" e "Better Art" alla sesta edizione dei PlayStation Talents Awards organizzati dalla divisione iberica di Sony Interactive Entertainment. Abbiamo avuto modo di provare Clid The Snail e siamo rimasti abbastanza colpiti sia dall'originalità del mondo di gioco che dalla caratura artistica dello stesso.

Bizzarra protagonista di questo twin-stick shooter con visuale dall'alto è Clid, una lumaca umanoide che a differenza delle sue simili è tutt'altro che lenta e sa maneggiare una ampia gamma di armi da fuoco con rara maestria. Non fate quelle facce, in fondo in passato abbiamo già visto vermi capaci di usare pistole laser e altri insetti destreggiarsi tra i pericoli meglio di Optimus Prime. Nella sua avventura Clid è accompagnata da una piccola lucciola di nome Belu, che non potrà aiutarla sul campo di battaglia ma sarà una preziosa risorsa in ambito esplorativo.

1
Esteticamente il gioco mostra cose pregevoli, in particolare gli effetti di luce e i particellari sono più che degni di menzione.

La demo che abbiamo provato era piuttosto breve, meno di un'ora, e non permetteva ancora di apprezzare alcuni elementi del gameplay elencati dal team di sviluppo nella presentazione. Uno di questi è il sistema di progressione delle armi, che permetterà di personalizzare il nutrito arsenale di Snail. Abbiamo avuto modo di provare una mezza dozzina di bocche da fuoco, che spaziano dai fucili ad impulsi ai più canonici shotguns.

Ognuno è ovviamente più adatto ad un certo tipo di scontri a fuoco, ma una cosa abbiamo notato fin da subito: il ritmo delle battaglie non sembra essere quello forsennato di altri titoli simili. Di nemici se ne affrontano in quantità, ma alla velocità di fuoco Clid The Snail sembra prediligere la precisione e un pizzico di strategia.

Essendo quasi sempre in netta inferiorità numerica, è necessario infatti gestire i movimenti, non lentissimi ma neanche fulminei, di Clid negli intricati livelli arborei (gli unici che abbiamo potuto provare finora) per guadagnare posizioni di fuoco privilegiate che consentissero di centrare nel miglior modo possibile i bersagli.

I tempi di ricarica delle armi ci sono sembrati leggermente più compassati rispetto alla media e anche la quantità di proiettili a disposizione non sembrava sovrabbondante. Questo fa intuire un livello di difficoltà abbastanza elevato e qualche piccolo richiamo alle meccaniche survival... e la cosa non ci dispiace affatto.

Sarà anche intrigante scoprire gli effetti combinati che le armi produrranno sui loro bersagli, effetti che a quanto pare cambieranno in base all'evoluzione delle stesse. Anche gli enigmi ambientali si prospettano interessanti ma purtroppo nel corso del nostro breve playthrough non abbiamo avuto modo di provarli. La struttura degli scenari sembra discretamente lineare ma non mancano strade alternative all'interno dei livelli, che portano non tanto a diversi sviluppi della trama quanto a collezionabili e segreti da accumulare.

La trama invece appare invece piuttosto articolata, anche se nel breve tempo passato in compagnia di Clid The Snail abbiamo potuto assaggiarne appena un'infarinatura. A quanto pare però la mollusca guerriera è destinata ad unire le forze ad una sorta di resistenza che mira a respingere una oscura "piaga" che sta devastando il loro mondo.

2
Alcuni dei collezionabili che troveremo permetteranno a Clid di potenziare la sua barra della salute e anche la potenza delle armi.

Gli sviluppatori puntano a regalare ai giocatori un'esperienza intensa ma anche umoristica, partendo proprio dal carattere di Clid che non è esattamente una lumaca normale. Ha un'umore costantemente ombroso, ama bere e mettersi nei guai. Questo suo caratteraccio gli è costato l'esilio dalla sua comunità. In perfetta contrapposizione troviamo il chiacchiericcio incessante della sua amica Belu.

Le conversazioni del duo durante il gioco sono esilaranti e evidenziano una cifra stilistica davvero particolare. Non siamo ai livelli di un The Bard's Tale ma i ragazzi sanno come intrattenere il loro pubblico e non vediamo l'ora di addentrarci ancora di più nel "carattere" di questi originalissimi personaggi.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Contenuti correlati o recenti

Sable - recensione

Un viaggio scritto nel destino tra Journey e Breath of the Wild.

The Long Dark: l'avventura survival 'sotto zero' sta per ricevere il quarto episodio

Una data di uscita per il quarto episodio di The Long Dark.

De-Exit ci farā indagare nell'aldilā nei panni di un curioso scheletro

Il nuovo platform puzzle De-Exit ci porta a essere uno Sherlock, ma da morti.

Cuphead: Fast Rolling Dice Game č il gioco da tavolo che stavate aspettando!

The Op! produrrā il nuovo card game dedicato a Cuphead.

Articolo | In memoria di Sir Clive Sinclair

Ricordiamo Clive Sinclair, il pioniere dell'home computing che ha cambiato il mondo.

Articoli correlati...

Sable - recensione

Un viaggio scritto nel destino tra Journey e Breath of the Wild.

Eastward - recensione

Amanti dei jRPG a 16-bit e del cyberpunk? Accorrete!

Articolo | I 20 migliori videogiochi indipendenti

Venti opere indie capaci di scardinare i preconcetti e competere con i grandi dell'industria.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza