Ubisoft Singapore tra ingiustizie e molestie sessuali lanciata una nuova indagine

Accuse e scandali senza fine in casa Ubisoft.

Di recente è stata avviata un'indagine su Ubisoft Singapore per presunte ingiustizie e molestie sessuali.

Secondo un'indagine di Kotaku, lo staff di Ubisoft Singapore, che ospita circa 500 dipendenti e sta attualmente lavorando al travagliato Skull & Bones, avrebbe subito molestie sessuali, disparità retributive razziali e bullismo da parte dei manager, senza contare "leader tossici".

Ora, in un report di The Straits Times, un quotidiano in lingua inglese con sede a Singapore, l'organismo di vigilanza nazionale per le pratiche di lavoro equo ha avviato un'indagine su Ubisoft Singapore.

La Tripartite Alliance for Fair and Progressive Employment Practices (Tafep) ha esortato chiunque sia a conoscenza di qualsiasi cattiva condotta, come molestie sessuali e aggressioni, a segnalare tali incidenti.

L'amministratore delegato di Ubisoft Singapore, Darryl Long, avrebbe dichiarato: "È molto importante poter parlare di queste cose e riconoscere cosa sta succedendo nel nostro settore in questo momento..."

"Dobbiamo iniziare a cambiare il modo in cui siamo percepiti e anche il modo in cui agiamo internamente".

L'indagine su Ubisoft Singapore arriva dopo che il personale di Ubisoft ha affermato che la società "continua a proteggere e promuovere i "soliti noti" e i loro alleati".

Oltre 1000 dipendenti Ubisoft attuali ed ex in 32 studi hanno firmato una lettera aperta in solidarietà con lo staff di Activision Blizzard a seguito di una recente causa che ha definito lo studio di World of Warcraft e Overwatch "un terreno fertile per molestie e discriminazione contro le donne".

La lettera ha criticato le "vuote promesse" della leadership di Ubisoft in risposta alle accuse di "discriminazione sistemica, molestie e bullismo" all'interno dell'azienda e ha proposto una collaborazione per concordare una serie di "regole e processi per la gestione delle segnalazioni di questi reati".

Come notato nella lettera, Ubisoft è rimasta coinvolta in caso simile la scorsa estate, quando i dipendenti hanno iniziato a denunciare le condizioni di lavoro tossiche all'interno dell'azienda, con accuse di gravi abusi sessuali.

Eppure, nonostante l'assicurazione del CEO Yves Guillemot che avrebbe "fatto tutto ciò che è in [suo] potere per garantire che tutti... si sentano accolti, rispettati e al sicuro", la lettera aperta dice che poco è cambiato.

A maggio, Guillemot ha pubblicato una lunga dichiarazione volta a illustrare i progressi che, secondo lui, Ubisoft aveva fatto dalle devastanti segnalazioni della scorsa estate di molestie sessuali e ambienti di lavoro tossici all'interno di vari team dell'azienda.

Il post, pubblicato sul blog di Ubisoft, è arrivato sulla scia di un report francese su Le Télégramme che affermava che la società aveva apportato solo modifiche minime.

La scorsa estate, numerosi dipendenti dell'azienda hanno emesso una serie di report che descrivono in dettaglio aggressioni sessuali e molestie. Includeva accuse scioccanti, alcune di diversi dipendenti senior. Seguì un'ondata di dimissioni e licenziamenti, alcuni pubblici, altri no.

Lo stesso Guillemot è stato preso di mira, con domande su quanto esattamente avesse saputo. In uno straordinario Q&A con gli investitori, Guillemot ha risposto dicendo che "alcuni individui hanno tradito la fiducia che riponevo in loro".

Secondo The Straits Times, se Ubisoft Singapore dovesse violare il Fair Consideration Framework del Ministry of Manpower (MOM), le potrebbe essere impedito di richiedere nuovi pass di lavoro per il personale straniero, o rinnovare quelli esistenti, per un periodo compreso tra uno e due anni.

La polizia può indagare su condotte sessuali scorrette che comportano reati penali. I colpevoli possono essere multati e/o incarcerati ha detto The Straits Times.

Ubisoft Singapore ha risposto al report affermando di aver investito in un "percorso di apprendimento dedicato" per aiutare il personale a cogliere opportunità di leadership.

"La retribuzione è determinata dal ruolo, dalla responsabilità, dalle pratiche di mercato e dalle prestazioni", ha affermato Ubisoft.

A lungo l'azienda ha insistito sul fatto che lo studio non tollera molestie, discriminazioni o cattiva condotta di alcun tipo, e ha evidenziato che la società ha assunto un'agenzia di terze parti per esaminare i reclami.

"Capisco che Ubisoft Singapore sia stata menzionata nelle notizie ultimamente", ha detto Long.

"Riconosco che lo studio ha visto alcune sfide negli ultimi dieci anni e c'è ancora del lavoro da fare sulla nostra cultura del lavoro".

Fonte: Eurogamer.net.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza