Activision Blizzard nell'occhio del ciclone: le risorse umane accusate di aver distrutto diversi documenti chiave

Bufera senza fine per Activision Blizzard nella causa per molestie e discriminazioni.

Il California Department of Fair Employment & Housing [DFEH] ha aggiornato la sua causa contro Activision Blizzard, accusando il publisher di aver distrutto documenti chiave.

Axios è stato il primo a riferire riguardo la causa aggiornata. Uno dei passaggi chiave afferma che "i documenti e le registrazioni non sono stati conservati come richiesto dalla legge" e che "i documenti relativi a indagini e reclami sono stati distrutti dal personale delle risorse umane e le e-mail vengono cancellate 30 giorni dopo la separazione da un dipendente".

Le risorse umane di Activision Blizzard sono state chiamate in causa da molti dipendenti, i quali affermano che il dipartimento ha fatto poco per affrontare le accuse di abusi e molestie quando si verificavano. Nel report di IGN su Activision Blizzard, le misure di diversità e inclusione sono state descritte come superficiali e insufficienti.

I dipendenti di Activision Blizzard su Twitter hanno risposto rapidamente alle nuove accuse di distruzione di documenti.

Alla richiesta di un commento, un portavoce di Activision Blizzard ha inviato la seguente dichiarazione a IGN.

"Durante il nostro impegno con il DFEH, abbiamo rispettato ogni richiesta adeguata a sostegno della sua revisione, anche se abbiamo implementato riforme per garantire che i nostri luoghi di lavoro siano accoglienti e sicuri per ogni dipendente. Questi cambiamenti continuano oggi e includono:

  • Diversi cambi di personale di alto livello;
  • Pratiche di assunzione e reclutamento rinnovate che richiedono diversi colloqui;
  • Maggiore trasparenza sull'equità retributiva;
  • Ampliamento e miglioramento delle capacità di formazione e investigazione per le risorse umane e per il personale addetto alla conformità;
  • Creazione di squadre investigative al di fuori delle business unit per supportare una maggiore indipendenza;
  • Divisioni ristrutturate per supportare una maggiore responsabilità;
  • Processi di revisione migliorati per includere la valutazione dei dirigenti da parte dei dipendenti;
  • Confini chiari sul comportamento sul posto di lavoro con un approccio di tolleranza zero alle molestie e ad altre azioni di emarginazione.

Ci sforziamo di essere un'azienda che riconosce e celebra i diversi talenti e prospettive che portano alla creazione di un intrattenimento eccezionale e attraente a livello globale. Abbiamo fornito al DFEH prove evidenti del fatto che non abbiamo disparità salariali o di promozione tra i sessi. La nostra leadership senior è sempre più diversificata, con un numero crescente di donne in ruoli chiave in tutta l'azienda. Condividiamo l'obiettivo di DFEH di un luogo di lavoro sicuro e inclusivo che premi equamente i dipendenti e ci impegniamo a dare l'esempio che gli altri possano seguire".

In un successivo aggiornamento, un portavoce di Activision Blizzard ha modificato la dichiarazione per negare esplicitamente le accuse di distruzione di documenti. "Per quanto riguarda le affermazioni secondo cui abbiamo distrutto le informazioni distruggendo i documenti, tali affermazioni non sono vere. Abbiamo adottato le misure appropriate per preservare le informazioni rilevanti per l'indagine del DFEH".

La denuncia modificata fa parte della causa originale presentata per la prima volta a fine luglio. È il culmine di una lunga indagine del DFEH che cita ampie segnalazioni di molestie tra Activision e Blizzard.

Il report ha suscitato proteste diffuse all'interno e all'esterno di Activision Blizzard, incluso uno sciopero dei dipendenti. Il presidente di Blizzard J Allen Brack si è dimesso all'inizio di agosto.

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

PS5: un devkit venduto per €6.000...a Torino e con una fetta di pizza!

Qualcuno ha deciso di vendere su eBay il devkit di PS5 in un modo decisamente particolare...

PlayStation Studios rafforzarsi la parola d'ordine: nuove acquisizioni praticamente confermate

Il CEO di Sony Pictures Entertainment parla anche di PlayStation.

PS5 ha un video che vi spiega come montare l'SSD M2 aggiuntivo

Sony ha pubblicato un video su una delle caratteristiche pi importanti di PlayStation 5.

Articoli correlati...

Commenti (3)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza