Call of Duty: Warzone fa pulizia, rimossi oltre 100.000 account di cheater

Rimossi oltre 100.000 account di cheater, soprattutto i recidivi.

Call of Duty: Warzone è sempre sulla cresta dell'onda, uno dei titoli di maggiore successo del brand e, ovviamente, terreno di caccia dei cheater. Raven Software si è sempre data da fare in tal senso, ma ora sembra anche aver trovato una quadra: il 24 agosto, oltre 100.000 account sono stati rimossi ma con una novità.

Infatti, uno dei nuovi fattori per ricevere il ban è la recidività, l'utilizzo spasmodico di cheat e simili ma anche colpire chi li fornisce, soffocandone in qualche modo l'offerta. Un recente rapporto ha suggerito inoltre, che la disponibilità di account hackerati sta diminuendo, rendendo la vita difficile coloro che tentano di distribuirli, creando una sorta di "ban hardware". La cosa dovrebbe indurre gli hacker a lasciar perdere. Con questo sistema, il paradosso è che probabilmente Call of Duty: Warzone sarà meno infestato rispetto Call of Duty: Vanguard.

Fonte: gamesradar

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Marcello Ribuffo

Marcello Ribuffo

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Bioshock 4 e Bioshock Remastered potrebbero uscire nel 2022

Dal recente leak Nvidia spunta anche un possibile Bioshock 4.

Raccomandato | Deathloop - recensione

Deathloop è una meravigliosa e psichedelica chimera videoludica.

Articolo | Call of Duty: Vanguard - prova

Il nostro primo sguardo ai campi di battaglia multiplayer di Call of Duty: Vanguard.

Battlefield 2042 non è ancora uscito ma c'è già un sito che vende cheat

Come rovinare Battlefield 2042 ancora prima che esca.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza