Astro's Playroom Ŕ una festa di cameo di iconici personaggi PlayStation nelle parole di Team Asobi

Un viaggio nella nascita di Astro's Playroom.

Astro's Playroom è uno dei titoli usciti in concomitanza con PlayStation 5, a novembre dello scorso anno. Tanti sono stati i feedback positivi dei fan che si sono chiesti, tra le altre cose, da cosa è nata la scelta di inserire i cameo dei personaggi PlayStation come Aloy, Ratchet & Clank e Kratos tra gli altri, all'interno del gioco.

Per l'occasione in un post su PlayStation Blog, Team Asobi spiega da cosa è nata questa ispirazione. Tutto è partito dalla creatività di Toshihiko Nakai, il concept artist di Team Asobi, che ha iniziato a disegnare questi camei. "Il processo di selezione è stato semplice, se un dato cameo era immediatamente riconoscibile, ci faceva sorridere o ridere e riusciva a stimolare il nostro geek interiore, passava la prima selezione" spiega lo studio di sviluppo.

"Scegliere capi di abbigliamento o strumenti iconici da giochi specifici era fondamentale per renderli immediatamente riconoscibili, lasciando al contempo un po' di lavoro da fare per il giocatore. Giocare a decifrare doveva essere divertente, anche per i giocatori che sapevano da dove provenivano i cameo. Affinché questo fosse possibile, era necessaria anche una conoscenza precisa di ciascuno dei giochi da parte nostra. Ancora una volta, Toshihiko si è rivelato un'incredibile enciclopedia dei videogame!".

1
2

La fase successiva, come riportano gli sviluppatori, è stata la modellazione in 3D. I modellisti hanno incanalato il proprio cosplayer interiore per creare abiti e accessori unici per ogni scena, ridimensionando dove necessario per dare a tutti gli accessori una finitura graziosa adatta al mondo di Astro. A volte, e con l'approvazione dei creatori originali, le armi sono state modificate per essere più amichevoli e i proiettili sostituiti con palline di plastica colorate. Queste modifiche per rendere tutto più carino hanno a loro volta posto in risalto la natura divertente e leggera del gioco ed è così che è iniziato a emergere uno stile coerente per tutti i cameo.

Infine, dopo tutto questo lavoro, è arrivata l'animazione. Il focus degli animatori è rimasto fisso su 3 concetti: velocità, frenesia e divertimento. Tutte le animazioni sono state eseguite a mano cercando di riempire ogni fotogramma con tonnellate di umorismo ed energia.

3

Il team di sviluppo ha affermato inoltre che tutti i creatori dei vari personaggi che sono entrati a far parte di Astro's Playroom sono stati coinvolti. "Il fatto che ogni creatore che abbiamo contattato abbia accettato di prestare i suoi personaggi straordinari alla causa testimonia il fatto che tra i creatori c'è vera fratellanza e spirito di squadra, oltre all'amore condiviso per la PlayStation. Questo vale anche per i nostri amici di PlayStation Studios e per i molti altri partner che hanno creato i giochi più leggendari per PlayStation negli ultimi 25 anni. Non ringrazieremo mai questi team abbastanza per la loro gentilezza e fiducia".

Fonte: PlayStation Blog

Contenuti correlati o recenti

Chorus, l'avventura fantascientifica ha una data di uscita

Ecco quando sarete in grado di mettere le mani su Chorus.

Ratchet & Clank: Rift Apart per PS5 gira bene anche con il peggiore degli SSD compatibili

Digital Foundry analizza le opzioni SSD disponibili per PS5 usando Ratchet & Clank: Rift Apart

The Long Dark: l'avventura survival 'sotto zero' sta per ricevere il quarto episodio

Una data di uscita per il quarto episodio di The Long Dark.

Metroid Prime 1 remake o remaster per Switch in arrivo per una nota insider

L'imminente Nintendo Direct potrebbe rivelare il ritorno di Metroid Prime 1.

Articoli correlati...

Articolo | Marvel's Guardians of the Galaxy - prova

Ha detto "benvenuto nei Guardiani della Galassia spaccacubi", solo che non ha detto "cubi"!

Raccomandato | Kena: Bridge of Spirits - recensione

Un viaggio che tocca il cuore e lo spirito.

Articolo | BioShock, Rapture, Columbia e...? La rivoluzione narrativa di Ken Levine e Ghost Story Games

“Sono stufo di lavorare 5 anni a un videogioco lineare che viene finito in un weekend”.

Commenti (4)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza