Tripwire nella bufera: il CEO John Gibson si dimette dopo i commenti sulla legge anti-aborto del Texas

Il boss di Tripwire Interactive lascia la società.

A seguito dei suoi commenti a sostegno della legge anti-aborto del Texas, il CEO di Tripwire, John Gibson, si è dimesso dalla società dietro giochi come Maneater e Chivalry 2.

Tripwire ha annunciato la notizia oltre a confermare che il co-fondatore e attuale vicepresidente Alan Wilson agirà ora come CEO ad interim. Nella sua dichiarazione, Tripwire ha condiviso che le opinioni di Gibson non riflettono l'azienda nel suo insieme e che "i suoi commenti hanno ignorato i valori di tutto il nostro team, dei nostri partner e di gran parte della nostra community".

"I commenti forniti da John Gibson sono una sua opinione e non riflettono quelli di Tripwire Interactive come azienda", ha scritto Tripwire. "I suoi commenti hanno ignorato i valori di tutto il nostro team, dei nostri partner e di gran parte della nostra community. Il nostro team dirigenziale di Tripwire è profondamente dispiaciuto e unito nel nostro impegno ad agire rapidamente e a promuovere un ambiente più positivo".

"Con effetto immediato, John Gibson si è dimesso da CEO di Tripwire Interactive. Il membro fondatore e attuale vicepresidente, Alan Wilson, assumerà la carica di CEO ad interim. Alan è stato con l'azienda sin dalla sua fondazione nel 2005 ed è un leader attivo sia negli affari dello studio che negli affari di sviluppo".

"Alan lavorerà con il resto del team dirigenziale di Tripwire per prendere provvedimenti con dipendenti e partner per affrontare le loro preoccupazioni, compresa l'esecuzione di una riunione a livello aziendale e la promozione di un dialogo aperto con la leadership di Tripwire e tutti i dipendenti. La sua comprensione della cultura aziendale e la visione creativa dei nostri giochi accompagnerà il team attraverso questa transizione, con il pieno supporto degli altri leader di Tripwire".

interview_with_john_gibson_christian_killing_floor_2

Dopo i commenti dell'ex CEO Gibson, gli sviluppatori che hanno lavorato a stretto contatto con Tripwire, incluso Shipwright Studios - che ha lavorato sia su Maneater che su Chivalry 2 - e lo sviluppatore principale di Chivalry 2 Torn Banner Studios, si sono espressi contro le dichiarazioni a favore della legge del Texas. Shipwright Studios è persino arrivato al punto di dire che stava annullando i suoi contratti esistenti con Tripwire sotto l'"attuale struttura di leadership".

Fonte: IGN.

Vai ai commenti (108)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Articolo | Evoluzione della morte e del game over nei videogiochi

Il fail state nei videogiochi: ecco alcune delle meccaniche più innovative.

Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

God of War Ragnarok: Angrboda di colore? Spuntano lamentele ma Santa Monica Studios non ci sta

God of War Ragnarok non è ancora uscito e già iniziano le polemiche sterili.

Commenti (108)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza