Videogiochi, sessismo e razzismo: 'le molestie online contro donne, neri e asiatici continuano a crescere'

Un sondaggio rivela una preoccupante crescita di sessismo e razzismo nei videogiochi online.

Il 2021 ha visto un aumento significativo di alcuni tipi di molestie negli spazi di gioco online, secondo un nuovo sondaggio della Anti-Defamation League condotto in collaborazione con Newzoo.

Il sondaggio ha riguardato più di 2.200 giocatori statunitensi fino all'età di 45 anni che giocano a giochi multiplayer online, quasi 550 dei quali tra i 13 e i 17 anni.

Mentre il 99% degli intervistati ha affermato di aver avuto una qualche forma di esperienza sociale positiva durante i giochi online, è stato chiaro per molti che le loro esperienze non sono state uniformemente positive.

L'83% degli adulti ha dichiarato di essere stato molestato mentre giocava online negli ultimi sei mesi, mentre il 60% del gruppo di adolescenti ha affermato lo stesso.

La forma più comune di molestia basata sull'identità era rivolta alle donne, proprio come negli anni precedenti l'ADL ha condotto un'indagine del genere. Tuttavia, la percentuale di persone che hanno segnalato tali molestie è passata dal 41% delle donne l'anno scorso al 49% di quest'anno.

Altri gruppi che hanno visto un'impennata delle molestie basate sull'identità sono stati i giocatori di colore (42% quest'anno rispetto al 31% dell'anno scorso) e i giocatori asiatici (38%, rispetto al 26%).

Questa molestia basata sull'identità si è verificata nonostante il 37% delle persone affermi di nascondere sempre la propria identità quando giocano online e un altro 37% afferma di farlo a volte.

streaming_videogiochi

Per quanto riguarda i giochi che hanno favorito la maggior parte dei problemi, Valorant e Dota 2 sono in cima alla lista per il secondo anno consecutivo, con il 79% e il 78% dei giocatori che hanno segnalato rispettivamente molestie.

Minecraft è stato il gioco con la minore percentuale di giocatori che hanno segnalato molestie. Rocket League ha fatto passi da gigante nel far cadere la percentuale di giocatori che hanno subito molestie dal 76% dell'anno scorso al 59% di quest'anno.

Anche la percentuale di giocatori che ha riferito di aver smesso di giocare a determinati giochi a causa di comportamenti tossici è aumentata per il secondo anno consecutivo, fino al 27% rispetto al 22% dell'anno scorso.

Valorant e Call of Duty hanno allontanato la maggior parte dei giocatori, con il 42% dei giocatori di ogni gioco che afferma di essere diventato più attento o di aver smesso di giocarci del tutto a causa del comportamento che avevano sperimentato.

Il sondaggio ha anche riportato casi crescenti di doxing (informazioni di identificazione personale rese pubbliche) e swatting (uno sconosciuto che fa una falsa segnalazione ai servizi di emergenza). L'anno scorso il 13% degli intervistati ha dichiarato di essere stato doxato e il 12% ha dichiarato di essere stato vittima di swatting. Quest'anno i numeri erano 22% e 20%.

Il sondaggio ADL-Newzoo rileva un picco nei giocatori statunitensi che segnalano alcuni tipi di molestie; Il 60% degli adolescenti afferma di essere stato molestato mentre giocava.

Fonte: Gamesindustry.biz.

Vai ai commenti (45)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (45)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza