Fortnite è nella lista nera di Apple. Il ritorno su iOS sembra impossibile per anni

Fortnite potrebbe rimanere lontano da Mac e iOS per cinque anni.

A seguito di una sentenza nella causa del creatore di Fortnite, Epic Games, contro Apple, il CEO di Epic Tim Sweeney ha affermato che Apple metterà il gioco nella lista nera del suo ecosistema fino a quando il processo di appello non renderà il giudizio definitivo.

"Apple ha mentito", ha detto Sweeney su Twitter. "Apple ha passato un anno a dire al mondo, alla corte e alla stampa che avrebbero "accolto con favore il ritorno di Epic sull'App Store se accettassero di giocare secondo le stesse regole di tutti gli altri". Epic ha accettato, e ora Apple ha rinnegato un altro abuso del suo potere di monopolio su un miliardo di utenti".

Sweeney ha affermato che la decisione di Apple potrebbe tenere Fortnite fuori dalle piattaforme iOS e Mac per cinque anni durante il processo di appello.

Sweeney ha promesso che Epic Games avrebbe "rispettato le linee guida di Apple" se la società dovesse recuperare il suo account sviluppatore. (L'account, che consente agli sviluppatori di accedere agli strumenti Apple, è stato sospeso l'anno scorso, il che ha scatenato la causa.) Sweeney ha twittato mercoledì che Apple ha rifiutato la richiesta di ripristinare l'account del programma per sviluppatori.

"Alla luce di questa e di altre dichiarazioni dopo la decisione del tribunale, insieme alla condotta di Epic in passato, Apple ha esercitato la sua discrezione per non ripristinare il programma per sviluppatori di Epic in questo momento", ha scritto l'avvocato di Apple Mark A. Perry in una e-mail a Epic. "Inoltre, Apple non prenderà in considerazione ulteriori richieste di reintegrazione fino a quando la sentenza del tribunale distrettuale non diventerà definitiva e inappellabile".

Il 10 settembre, il giudice Yvonne Gonzalez Rogers del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California ha emesso un'ingiunzione permanente che richiedeva ad Apple di consentire agli sviluppatori dell'App Store di spingere i propri utenti a sistemi di pagamento di terze parti. Anche se per una piccola parte della causa, è stata una vittoria per gli sviluppatori interessati ad eludere i termini dell'App Store che danno ad Apple un taglio del 30% delle vendite effettuate attraverso lo store. Anche Apple, tuttavia, ha rivendicato la vittoria nella causa: il giudice ha affermato che la società non ha un monopolio illegale sulle "transazioni di gioco mobile".

Sweeney ha twittato all'inizio di settembre che Epic Games ha pagato ad Apple i 6 milioni di dollari ordinati dal tribunale, una parte dei quali sono le entrate di Fortnite che la società ha guadagnato in seguito alla mossa che ha dato il via alla causa.

Fonte: Polygon.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Minecraft ha più di 141 milioni di utenti mensili attivi

Emergono dati impressionanti per Minecraft.

Metroid Dread: perché Samus è così silenziosa? La risposta del producer Yoshio Sakamoto

Ecco perché la protagonista di Metroid Dread non parla molto.

'Bloodborne 2 per PS5 e Bloodborne Remastered per PS5 e PC in sviluppo presso Bluepoint'

Dopo i primi rumor su Bloodborne arrivano conferme da un altro insider!

Marvel's Guardians of the Galaxy su PC richiede addirittura 150 GB

Oltre a un notevole spazio, ecco cosa servirà per far girare Marvel's Guardians of the Galaxy su PC.

Articoli correlati...

Raccomandato | Death Stranding: Director's Cut - recensione

Il Grande Messo è tornato, più bello e in forma che mai.

Articolo | Marvel's Guardians of the Galaxy - prova

Ha detto "benvenuto nei Guardiani della Galassia spaccacubi", solo che non ha detto "cubi"!

Raccomandato | Kena: Bridge of Spirits - recensione

Un viaggio che tocca il cuore e lo spirito.

Articolo | BioShock, Rapture, Columbia e...? La rivoluzione narrativa di Ken Levine e Ghost Story Games

“Sono stufo di lavorare 5 anni a un videogioco lineare che viene finito in un weekend”.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza