La tecnologia FPS Boost arriva su Skyrim, Fallout 4 e Fallout 76: le performance sono notevoli ma ci sono dei compromessi - analisi tecnica

Solo 1080p per Fallout su Xbox Series X.

Abbiamo analizzato la prima ondata di titoli con supporto alla tecnologia FPS Boost di Microsoft e abbiamo sottolineato quanto questa sia impressionante. Poi siamo passati a testare due dei migliori giochi di Arkane, Prey e Dishonored, e i risultati sono stati ancora più entusiasmanti. Ora è arrivato il momento di dare un'occhiata a due titoli di Bethesda Games Studios sviluppati sulla base del sempreverde Creation Engine e, dobbiamo dirlo, questa volta gli esiti sono stati altalenanti. Skyrim gira egregiamente e ha ottenuto degli upgrade notevoli, proprio come ci aspettavamo, mentre la serie di Fallout si è dimostrata un po' più problematica. Al netto delle rispettive capacità tecniche, sia Xbox Series S che Series X operano nell'ambito dei 1080p per raggiungere agevolmente i 60fps nonostante Xbox One X puntasse ai 4K nativi.

I titoli di Fallout sono risultati alquanto controversi ma, quanto meno, è stato fantastico poter tornare su Skyrim dopo tanti anni. In quest'ultimo caso abbiamo registrato un vero 4K a 60fps ed è bello vedere che l'FPS Boost e le mod utente che abbiamo precedentemente testato al Digital Foundry vengono supportate in modo ufficiale. Vale la pena sottolineare, tuttavia, che vengono utilizzate due tecniche diverse per raggiungere questo obiettivo. Le mod funzionano essenzialmente rimuovendo il limite del frame rate di 30 fps e disabilitando il v-sync, consentendo a Skyrim di sfruttare la potenza extra delle console Series X|S.

Il risultato finale è un'esperienza bloccata saldamente sui 60 fps per la Series S con una risoluzione a 1080p, sia utilizzando FPS Boost che optando per le mod. Su Series X, invece, il gioco gira in 4K nativo ed ha un look sbalorditivo (sebbene il prezzo da pagare sia un calo delle prestazioni ogni volta che il volumetrico o gli effetti alpha a piena risoluzione entrano in gioco). In generale, il leggendario quinto capitolo di The Elder Scrolls gira a 60 fps su entrambe le macchine aggiungendo un ulteriore livello di lucentezza a quello che rimane un eccellente gioco di ruolo. Sì, la presentazione può apparire datata ma il gameplay è ancora freschissimo. E, naturalmente, ora gli utenti di PlayStation 5 hanno accesso alla stessa esperienza tramite le proprie mod.

Tom Morgan e Rich Leadbetter confrontano gli appunti sulle loro esperienze con Skyrim, Fallout 4 e Fallout 76 sulle console Xbox Series X e Series S con FPS Boost attivo.

Con i titoli della serie Fallout, la situazione è un po' più complicata. A partire da Fallout 4, Microsoft sembra aver optato per forzare il codice visto su Xbox One S sia su Series X che su Series S. Ciò significa che il gioco gira a 1080p nativi ma senza limitazioni al frame-rate. Tenete a mente che il gioco girava originariamente a 1080p dinamici su Xbox One S e in 4K su One X. Il risultato finale è un'esperienza piacevole a 60fps per la maggior parte della sua durata.

Solo i classici colli di bottiglia come le industrie Corvega causano ancora problemi, con alcuni cali di prestazioni su Series X e, in modo più evidente, su Series S. In generale, tuttavia, il gameplay appare piuttosto fluido ma non si può fare a meno di pensare che la Series X avrebbe potuto fare di più. In definitiva, implementare un'alternativa opzionale a 1800p rispetto alla modalità 2160p sarebbe una buona strada da seguire.

Tuttavia, esiste un'alternativa se desiderate ottenere il meglio su Series X: risoluzione in 4K e 60fps. Se si disattiva l' FPS Boost, si torna ovviamente a 4K/30fps, anche se con una coerenza di gran lunga migliore rispetto al gioco in esecuzione su Xbox One X. Il passaggio successivo è applicare una mod utente '720p60' che offre il frame rate sbloccato richiesto per Series X (basta cercarla nella sezione mod del gioco, attivarla e riavviare il gioco). Ed è qui che si può vedere perché Microsoft ha optato per la coerenza: il frame-rate non è bloccato a 60fps in questa risoluzione più elevata. Nella zona di Corvega si raggiungono addirittura i 40fps e la presentazione generale appare decisamente meno stabile. Rimane comunque un netto miglioramento rispetto all'esperienza stock su Xbox Series X, intendiamoci, e molti potrebbero preferirla. Tutto ciò ci porta a Fallout 76, il capitolo incentrato sul multiplayer, dove la configurazione è simile a quella vista su Fallout 4 con FPS Boost attivo. Questa volta, l'output a 1080p e 60fps di Series X è granitico mentre la Series S presenta alcune piccole fluttuazioni rispetto all'obiettivo, in termini di frame-rate. Non è perfetto ma è un modo notevolmente migliore per giocare anche se, anche questa volta, abbiamo dovuto rinunciare alla risoluzione maggiore su Series X per utilizzare questa funzione.

Qualche tempo fa abbiamo testato le mod utente per Skyrim e Fallout 4 sulle console Xbox Series X|S a 60fps. Ecco cosa ne pensiamo.

Curiosamente, c'è un modo per usare la tecnologia FPS Boost senza rinunciare al 4K nei giochi di Fallout su Xbox Series X ma ci aspettiamo che Microsoft pubblichi una patch apposita, in un prossimo futuro. Essenzialmente, si tratta di caricare uno dei giochi di Fallout con l'FPS Boost disabilitato, caricare un qualsiasi altro titolo, riattivare l'FPS Boost sul Fallout che stavate giocando e ritornare in azione tramite il Quick Resume. Questo procedimento sblocca il frame-rate grazie a FPS Boost mantenendo intatta la risoluzione della versione One X. È un trucchetto, funziona, ma è facile capire perché Microsoft abbia optato per i 1080p nella versione ufficiale. Per metterla in termini semplici, i 60fps sono tutt'altro che garantiti, giocando in questo modo.

In sintesi, l'FPS Boost offre esattamente ciò che volevamo, nel caso di Skyrim. Questa tecnologia garantisce un'esperienza letteralmente trasformativa, molto più di quanto ci aspettassimo: è davvero difficile tornare indietro. Per quanto riguarda Fallout, invece, FPS Boost riesce comunque ad offrire dei visibili miglioramenti, specialmente se siete proprietari di una Xbox Series S: sostanzialmente si mantiene la stessa risoluzione e le prestazioni vengono portate a 60fps per gran parte della durata del gioco. La serie di Fallout è storicamente un problema per le CPU, GPU e per la memoria di archiviazione delle console e i miglioramenti forniti dall'hardware di nuova generazione possono essere davvero notevoli. Su Series X, tuttavia, siete obbligati a fare una scelta: 4K o 60fps, FPS Boost attivo o disattivo. Il boost complessivo è ancora impressionante (i giochi appaiono decisamente più fluidi nel gameplay) ma, almeno in questo caso, non è la killer feature che speravamo fosse.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Thomas Morgan

Thomas Morgan

Senior Staff Writer, Digital Foundry

32-bit era nostalgic and gadget enthusiast Tom has been writing for Eurogamer and Digital Foundry since 2011. His favourite games include Gitaroo Man, F-Zero GX and StarCraft 2.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza