Activision Blizzard ennesima causa legale su discriminazioni: accordo da $18 milioni con la Federal Employment Agency

La U.S. Equal Employment Opportunity Commission porta in tribunale Activision Blizzard.

Un'altra agenzia federale, la U.S. Equal Employment Opportunity Commission (EEOC), ha fatto causa al publisher di Call of Duty e World of Warcraft, Activision Blizzard.

Questa nuova denuncia dell'EEOC è incentrata su presunte discriminazioni e molestie di genere presso Activision Blizzard, uno dei più grandi publisher di videogiochi al mondo, e segue la notizia della scorsa settimana secondo cui la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti sta ora indagando sulla società e sul suo CEO .

La scorsa settimana è stato reso noto pubblicamente che l'EEOC stava indagando su Activision Blizzard in qualche modo grazie a Bobby Kotick che ha divulgato che la società "continua a impegnarsi in modo produttivo con i regolatori", incluso l'EEOC, in un comunicato stampa per gli investitori. Questo comunicato è stato pubblicato in risposta a una diversa indagine di ampia portata condotta dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Il publisher e anche lo stesso Kotick sono stati citati in giudizio a seguito di questa indagine legale in corso.

I documenti pubblicati confermano che l'EEOC ha effettivamente fatto causa alla compagnia e alle parti associate per molteplici accuse di discriminazione e molestie di genere. Secondo i documenti del tribunale, Activision Blizzard e King Games sono stati citati direttamente nella causa, così come 10 persone attualmente senza nome che probabilmente lavorano o hanno lavorato presso le due società. L'EEOC nota che potrebbe modificare il documento per nominare questi individui attualmente sconosciuti in un secondo momento.

Come notato da The Verge, l'EEOC ha iniziato le sue indagini nel settembre 2018. Quello che è seguito sono state "ampie discussioni di conciliazione" con Activision. Ma l'EEOC non è stata in grado di garantire alcun tipo di "accordo di conciliazione accettabile" attraverso questi "metodi più informali".

Scandalo_Activision_Blizzard_lettera_protesta

Ora, Activision Blizzard ha pubblicato un comunicato stampa indicando di aver raggiunto un accordo per risolvere la causa dell'U.S. Equal Employment Opportunity Commission. Si afferma in parte:

"In base all'accordo... Activision Blizzard si è impegnata a creare un fondo di 18 milioni di dollari per compensare e fare ammenda agli aventi diritto. Eventuali importi non utilizzati per i richiedenti saranno divisi tra enti di beneficenza che promuovono le donne nell'industria dei videogiochi o promuovono la consapevolezza in merito alle molestie e alle questioni di uguaglianza di genere, nonché alle iniziative di diversità aziendale, equità e inclusione, come approvato dall'EEOC. L'accordo è soggetto all'approvazione del tribunale".

Il comunicato include anche una dichiarazione del CEO Bobby Kotick:

"Non c'è posto da nessuna parte nella nostra azienda per discriminazioni, molestie o disparità di trattamento di alcun tipo, e sono grato ai dipendenti che hanno coraggiosamente condiviso le loro esperienze. Mi dispiace che qualcuno abbia dovuto subire una condotta inappropriata e rimango fermo nel mio impegno a rendere Activision Blizzard uno dei luoghi di lavoro più inclusivi, rispettati e rispettosi del mondo".

Fonte: Kotaku.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza