BioShock 2

Inferno sommerso.

Quale occasione migliore dell'E3 2009 per una nuova e intrepida discesa negli abissi di Rapture? Dopo aver braccato (letteralmente!) i ragazzi di 2K abbiamo finalmente potuto scoprire qualcosa di più su BioShock 2 e spazzato via i (pochi) dubbi rimasti, all'indomani della prova relativa alla componente multiplayer. Inizialmente si parlava di un sequel. Ma anche di un prequel. "Ci sarà una Big Sister" dicevano, ma anche "il primo Big Daddy della storia". "Vedremo definitivamente il declino di Rapture" suggerivano alcuni, "vedremo i fasti dell'utopia di Andrew Ryan" rispondevano altri. Tutto ciò ha ovviamente dato adito alle più fantasiose discussioni nei forum di mezzo mondo e scatenato salivazione incontrollabile in tutti gli amanti del primo eccezionale episodio. Dopo aver visionato ad occhi sbarrati il materiale mostratoci, siamo infine riemersi per raccontarvi tutto ciò che possiamo su uno dei giochi più attessi dell'anno.

Andiamo con ordine e partiamo innanzitutto dalle premesse narrative. BioShock 2 prende avvio ben dieci anni dopo le avventure vissute nel primo capitolo. Rapture è andata incontro ad un destino miserevole, le mutazioni genetiche proseguono ormai senza soluzione di continuità e gli abomini generati dall'ADAM continuano a moltiplicarsi in un vero e proprio inferno sommerso. Ancor più che in passato, l'intero ecosistema è sopraffatto dal caos, e le ideologie del suo folle creatore sono adesso state sovvertite e persino soppiantate da nuove dottrine, altrettanto criptiche e letali. Un nuovo antagonista muoverà i fili e inediti nemici tenteranno di annientarci con la consueta dose di brutalità e delirio.

BioShock 2 è pertanto un sequel a tutti gli effetti, dato che ci illustrerà ampiamente le vicende accadute nel corso di una decade. Avremo così modo di scoprire cosa è mutato nei meccanismi di potere e quali effetti abbiano avuto sulle perdute anime dei sopravvissuti.

1
Il signore non sembra ben intenzionato ma Rapture, si sa, è un posto decisamente pericoloso dove fare amicizia non è esattamente facile...

Come già saprete, noi impersoneremo un Big Daddy. Il primo, ad essere esatti, il prototipo che ha dato vita ad una delle più iconiche e ammalianti figure dell'universo di BioShock. Ci risveglieremo da un letargo durato anni e, a differenza dei nostri simili, saremo dotati di una nostra coscienza. Il problema è che saremo totalmente ignari di ciò che ha sconvolto Rapture e incapaci di ricordare il nostro passato e gli eventi che ci hanno portati in quel posto dimenticato da Dio. Qui possiamo introdurre la prima, geniale intuizione degli sceneggiatori.

Nei panni del primo "paparino" di Rapture, il giocatore si troverà dinnanzi ad un'architettura narrativa complessa ma incredibilmente coesa e intrigante. Da una parte abbiamo il presente, in cui sono evidenti sia il declino dell'utopia sommersa , sia la necessità di sopravvivere. Dall'altra, vi è il bisogno di scoprire quanti più dettagli possibili sui trascorsi del nostro protagonista, ed è proprio rivivendo in prima persona parte degli eventi passati che potremo ricostruire la nostra storia e quella di Rapture. Il fatto che tali flashback siano interamente giocabili dimostra senza ombra di dubbio l'intelligenza e la competenza del team di sviluppo.

Lo stesso Jordan Thomas, Creative Director a capo del progetto, ha voluto evidenziare l'efficacia di tale decisione. Prendere parte attiva nelle reconde memorie del Big Daddy avrà infatti il duplice scopo di mantenere viva la curiosità senza la necessità di staccare le mani dal joypad, mettendo di fatto i giocatori proprio al centro di quei misteri sui quali sono chiamati ad indagare.

Il gioco si presenta così come un prequel e un sequel insieme, in uno strabiliante ibrido capace di raccontarci la nascita e la decadenza dell'impero di Ryan da prospettive differenti e complementari. In pratica ci troveremo ad interagire con ambienti e personagi che gradualmente cambieranno sotto i nostri occhi, mentre l'anarchia prenderà il sopravvento sulla popolazione, trasformando un'elite di intellettuali in un branco di mosche impazzite intrappolate in una bolla di vetro. Tutto questo può già solleticare le vostre papille gustative, ma cercate di resistere perchè adesso si passa al vero cuore di BioShock 2: il gameplay.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloLegends of Runeterra - prova

Siamo volati a Dublino per il gioco di carte di League of Legends. E non solo!

ArticoloStar Citizen? “È come sviluppare tre tripla A simultaneamente” - speciale

Intervistiamo Marco Corbetta, senior technical director di Cloud Imperium Games e Foundry 42.

Stela - recensione

SkyBox Labs esce dall'ombra.

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza