BioWare: i giochi come franchise

I sequel divertenti da realizzare per Muzyka .

BioWare ha cambiato idea in merito alla realizzazione di sequel e ha scelto di concentrarsi su ogni titolo pensandolo fin da subito come un franchise.

"Adesso pensiamo ai nostri giochi come franchise", ha dichiarato il co-leader Ray Muzyka nel corso della GDC che si sta svolgendo a Los Angeles. "Lo facciamo veramente".

Ha poi aggiunto (ringraziamo Gamasutra) che "i franchise includono molto di più dei singoli giochi", e possono prendere come riferimento quanto già accade con i film, i libri o i fumetti. La strategia è chiara pensando a come sarà gestito Dragon Age nei prossimi due anni, grazie al supporto di espansioni, sequel e DLC molto ampi.

Stesso discorso per Mass Effect 2, disponibile dallo scorso gennaio e sviluppato in linea di continuità con il precedente capitolo, proprio per dare una sensazione di insieme e di "continuum" al giocatore.

Muzyka è fermamente convinto che i sequel non solo abbiano davvero un senso ma che permettano ai team di sviluppo di divertirsi durante la loro realizzazione.

"Se non ti assumi i rischi legati all'innovazione, si rischia di essere attirati in una spirale mortale, e non è una buona cosa", ha precisato. "Si deve investire e innovare. Sono questi fattori che permettono ai sequel di vendere di più".

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Davide Spotti

Davide Spotti

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza