Bitcoin: un miner sta comprando intere centrali elettriche per il 'mining' di criptovalute

Centrali elettriche per 'minare' Bitcoin e criptovalute. 

Probabilmente avrete sentito parlare dell'enorme quantità di energia utilizzata dal mining di criptovaluta e di come ciò sia dannoso per l'ambiente.

Quindi, dovrebbe essere abbastanza preoccupante scoprire che i miner di Bitcoin stanno ora acquistando intere centrali elettriche nel loro sforzo di arricchirsi.

Una holding con sede in Pennsylvania chiamata Stronghold Digital Mining sta attualmente eseguendo un'operazione di mining di Bitcoin utilizzando la centrale elettrica Scrubgrass nella contea di Venango, in Pennsylvania, che ha acquistato durante l'estate nel 2021.

Stronghold ha raccolto 105 milioni di dollari per aprire la centrale elettrica per le sue attività di mining di Bitcoin. L'impianto attualmente brucia rifiuti di carbone per produrre energia sufficiente per alimentare 1.800 computer.

Secondo Stronghold Digital Mining, la società sta ora bruciando 600.000 tonnellate di rifiuti di carbone all'anno per eseguire le sue operazioni di mining di Bitcoin. Queste informazioni sono pubbliche a causa dei documenti depositati da Stronghold presso la SEC, poiché la società prevede di diventare pubblica.

Ad agosto, la società ha acquisito una seconda centrale elettrica in Pennsylvania, chiamata centrale elettrica Panther Creek. Sta cercando di espandersi anche con una terza centrale.

come_investire_in_bitcoin

L'estrazione di bitcoin richiede processori per computer ad alta potenza per risolvere equazioni matematiche avanzate. Questo processo aiuta a mantenere il registro digitale della criptovaluta, noto come blockchain. Quando questi problemi di matematica vengono risolti, i miner di Bitcoin ricevono la criptovaluta in cambio.

Più potenza di calcolo si ha, più equazioni possono essere risolte e più Bitcoin si guadagnano. Molti miner acquistano migliaia e migliaia di dollari di attrezzature per estrarre Bitcoin.

Si prevede che i miner di bitcoin utilizzeranno circa 130 Terawattora di energia (TWh), secondo l'indice di consumo di elettricità di bitcoin dell'Università di Cambridge. Come sottolinea TechCrunch, le emissioni di anidride carbonica per estrarre Bitcoin sono più o meno le stesse di un paese come la Giordania, con una popolazione di 10 milioni di persone.

Come ciliegina sulla torta, i contribuenti stanno finanziando i profitti della centrale elettrica di Stronghold Digital Mining.

Secondo Bloomberg, la Pennsylvania prevede crediti d'imposta per la combustione di rifiuti di carbone. Con questi sussidi, Stronghold calcola che ogni Bitcoin che guadagna attraverso il mining costa all'azienda meno di $3.000.

Fonte: Mashable.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza